Di: Sergio Palumbo

“Come sei bella stasera” è un giallo tutto al femminile, perché autrice e protagonista sono donne. Forse è per questo che la suspense non nasce da sequenze orripilanti, ma dalla quotidianità familiare, che diventa inquietante quando particolari della vita di ogni giorno di una famiglia come tante all’improvviso si presentano anomali: una finestra aperta che doveva essere chiusa, una maniglia che cigola di notte, una bambola in una ghiacciaia…

La vicenda cattura subito la curiosità del lettore. Il marito di Deborah, per tutti tranquillo e metodico padre di famiglia, scompare nel nulla la vigilia di Natale. Vittima di una vendetta che nasce da un’oscura vicenda del suo passato? O non piuttosto colpevole di spaventosi delitti messi in atto da uno psicopatico?

L’atmosfera di mistero e di sospetto che grava sulla casa, col suo giardino bianco di neve dove di notte le piante stesse sembrano acquistare una loro vita enigmatica, contrasta con la festa imminente, con le sue luci e il calore affettivo che dovrebbe accompagnarla.

La soluzione dell’enigma non arriva del tutto gratuita, come purtroppo in molti romanzi del genere, ma l’autrice ci porta passo passo a uno scioglimento coerente, in un crescendo di emozioni e colpi di scena.

Questo romanzo di Carlene Thompson rende propensi a confermare l’idea di tanti amanti del genere thriller, secondo i quali le autrici – Agatha Christie insegna – sono più dei loro colleghi uomini maestre nel giallo psicologico, assai più ricco di suspense del thriller che affida la sua efficacia ai particolari più macabri e disgustosi, che spesso risultano solo grotteschi.

Link: il sito di Marcos Y Marcos – www.marcosymarcos.com