Di: Redazione

Dongfang: il Festival dell’Estremo Oriente dal 25 ottobre 2007 a Napoli

I registi Bong Joon-ho e Jeon Soo-il ospiti a “Dongfang: il Cinema dell’Estremo Oriente”

La kermesse cinematografica inaugura con un evento speciale del pianista jazz Danilo Rea e del fumettista coreano Kim Dae-joong

A poco più di una settimana dal taglio del nastro per la terza edizione di Dongfang: il Festival dell’Estremo Oriente, quest’anno dedicato alla Corea del Sud, che si svolgerà nella prestigiosa location del Castel Sant’Elmo di Napoli dal 25 al 28 ottobre, confermata la presenza di Bong Joon–ho, il regista che, nonostante la giovane età, è diventato uno dei simboli del nuovo cinema coreano riuscendo a sintetizzare, nei suoi film, un lavoro di singolare acutezza sulle dinamiche di generi come la commedia, il thriller e perfino il “monster movie”.

Con il suo ultimo, sorprendente instant cult, The Host ha prima sbancato i botteghini in Corea con 13 milioni di spettatori e, dopo aver conquistato il resto dell’Asia, ha vinto tutti i premi possibili nei festival di mezzo mondo, USA compresi.

Presente anche Jeon Soo-il il regista coreano che quest’anno con il film With the Girl of Black Soil, è stato inserito nel programma della 64th Mostra di Venezia, nella sezione Orizzonti, e ha ricevuto il premio Cinema D’Essai CICAE.

Un Evento Speciale, realizzato in collaborazione con Comicon, aprirà la rassegna il 25 ottobre alle 21, in cui il fumettista ed editore coreano Kim Dae-joong affiancherà il famoso pianista Danilo Rea in una performance tra musica e arte, proiettando sul grande schermo i suoi disegni/fumetti.

Dopo le esperienze di sonorizzazione dal vivo di classici del muto, cui si sono dedicati Daniele Sepe e il Riff trio D’Andrea/Bosso/Petrella nelle prime due edizioni, il festival quest’anno ha optato per un approccio in cui la musica è sempre protagonista. Con Danilo Rea al pianoforte – nome che ha bisogno di poche presentazioni per gli amanti del jazz italiano, e non solo – e, al posto del bianco e nero d’epoca, immagini nuove di zecca create live da Kim Dae-joong, per un interscambio senza rete, tutto da scoprire.

Nuovo spazio per gli immancabili incontri con gli ospiti: Bong Joon-ho e Kim Dae-joong incontreranno il pubblico nella sala gentilmente offerta dalla cooperativa d’arte sociale Canto Libre (www.cantolibre.it)

Film, musica e incontri ma anche performance di video arte dedicate a Cina e Giappone, con dei programmi che in loop accompagneranno tutta la durata dell’evento. La Cina sarà presente con una personale del videoartista Cao Kai, mentre il Giappone si ripresenta a “Dongfang” con il progetto Theory of Everything, curato da Yuki Okumura, l’artista giapponese selezionatore del programma di video arte, anche lui presente a Napoli. Marco Müller, Direttore della Biennale di Venezia- Mostra internazionale d’Arte Cinematografica, presiede il Comitato scientifico sin dalla prima edizione, quest’anno anno composto di esperti del cinema coreano quali Paolo Bertolin, Davide Cazzaro, Giona A. Nazzaro.

La rassegna che ogni anno registra crescenti apprezzamenti e si sta affermando come un importante occasione di incontro per cinefili e appassionati di cultura orientale, è patrocinata dalla Regione Campania, Provincia, Comune e Ente Provinciale per il Turismo di Napoli, Camera di Commercio di Napoli, il Korean Film Council e la Rai di Napoli.

Si ringrazia Altergon, Geoslab s.r.l., Comicon – Salone Internazionale del Fumetto e dell’Animazione di Napoli e il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma.

Dongfang a Roma

Quest’anno inoltre “Dongfang” ha un’appendice romana: il 3 e il 4 novembre nella Sala Trevi, gestita dalla Cineteca Nazionale, verrà riproposta la retrospettiva Bong Joon-ho insieme ad alcuni altri film della rassegna.