Di: Sergio Palumbo

Quello di Peterson e Davie è uno dei testi “sacri” nell’ambito delle reti di calcolatori ed è utilizzatissimo sia come testo universitario che come vera e propria “bibbia” dai professionisti del settore. Giunto alla quarta edizione, il volume edito dalla Morgan Kaufmann si presenta in modo davvero elegante per la copertina rigida e per la scelta dei colori, del formato e dell’impaginazione.

Nel primo capitolo gli autori gettano le fondamenta per la trattazione delle reti di calcolatori: le applicazioni, i requisiti, le architetture, i protocolli, le performance. Nel secondo capitolo si esaminano il livello data link e le reti locali, sia di tipo Ethernet e ad anello che wireless, con un interessante “open issue” sulle reti di sensori. Si passa, quindi, allo switching dei pacchetti (switch e bridge) e delle celle ATM. Il capitolo 4 è dedicato all’internetworking, esaminando il protocollo IP, le tecniche di routing, il multicast ed il MPLS. Si sale quindi nello stack protocollare passando, nel quinto capitolo, ai protocolli end-to-end (UDP, TCP, RPC, RTP) e quindi al controllo di congestione e la QoS, fino ad arrivare agli aspetti di presentazione, compressione oltre ad una trattazione moderna ed efficace della network security. L’ultimo capitolo è dedicato alle applicazioni: mail, web, web services, etc.

La caratteristica peculiare di questo volume, che traspare principalmente dalle differenze riscontrabili tra le quattro edizioni, è la capacità degli autori di renderlo sempre attuale e di guardare sempre al futuro. Inoltre, continua ad essere vincente l’approccio scelto dagli autori: difatti, consente di guardare all’argomento delle reti di calcolatori non come un insieme di nozioni tecniche o teoriche, ma di tenere sempre ben presente come i singoli elementi contribuiscano a “fare sistema”. Anche per questo, il libro di Peterson e Davie è davvero impagabile.

Libro: il sito di Morgan Kaufmann – www.mkp.com