Di: Redazione

STAGIONE ESTIVA 2011

 

Cortile del Maschio Angioino

Venerdì 8 luglio 2011, ore 21.00

Sabato 9 luglio, ore 21.00 / Domenica 10 luglio, ore 21.00

 

LA STRADA

coreografie MARIO PISTONI

(ripresa da GUIDO PISTONI)

 

musiche

NINO ROTA

 

scene e costumi

LUCIANO DAMIANI

 

PRIMI BALLERINI, SOLISTI, CORPO DI BALLO

ALLIEVI DELLA SCUOLA DI BALLO

DEL TEATRO DI SAN CARLO

 

direttore del Corpo di Ballo

ALESSANDRA PANZAVOLTA

 

direttore della Scuola di Ballo

ANNA RAZZI

 

(musiche registrate)

 

Interpreti

Gelsomina: Giovanna Spalice (8, 9), Alessandra Veronetti (10)

Zampanò: Luigi Ferrone (8,9), Francesco Volpe (10)

Il Matto: Alessandro Macario (8 ,10), Carlo De Martino (9)

La Sposa: Corona Paone (8, 9), Roberta De Intinis (10)

Lo Sposo: Fabio Gison (8,9,10)

 

Allestimento del Teatro alla Scala di Milano

Produzione Teatro di San Carlo in coproduzione con Fondazione Campania dei Festival

 

In attesa di Pagliacci, il San Carlo alza il sipario sul “mondo circense” con La Strada, in scena al Maschio Angioino da venerdì 8 a domenica 10 luglio alle ore 21.00. Ispirato alla pellicola premio Oscar di Federico Fellini, il balletto, musicato da Nino Rota, è una delle più celebri creazioni di Mario Pistoni. In coproduzione con la Fondazione Campania dei Festival, il Lirico napoletano presenta lo storico allestimento della Scala di Milano, con scene e costumi di Luciano Damiani e coreografie riprese da Guido Pistoni, nipote di Mario. Sul palco, i primi ballerini Giovanna Spalice, Alessandro Macario e Luigi Ferrone, il Corpo di Ballo diretto da Alessandra Panzavolta, gli allievi della Scuola guidata da Anna Razzi, e Carlo De Martino, al debutto come primo ballerino.

 

La Strada è l’incontro tra uno dei più celebri ed onirici soggetti di Federico Fellini, con le struggenti melodie di un compositore colto del calibro di Nino Rota e la geniale e moderna coreografia di Mario Pistoni, quest’ultimo particolarmente legato a Napoli e al San Carlo dove guidò il Corpo di Ballo dal 1978 al 1981.

La Strada è un prodotto tutto italiano”, afferma Guido Pistoni, in passato primo ballerino all’Opera di Roma e oggi riproduttore ‘fedele’ di tutte le coreografie di suo zio Mario, sotto la cui direzione danzò ne La Strada nel 1989 all’Arena di Verona al fianco di Carla Fracci, prima interprete del balletto che debuttò alla Scala di Milano nel 1966 con scene e costumi di Luciano Damiani, e lo stesso Pistoni nel ruolo del Matto. “Lo storico allestimento è un capolavoro del Novecento ancora perfettamente attuale”, continua Guido Pistoni, “e non deve essere etichettato come una semplice trasposizione del film. La sceneggiatura è stata totalmente riscritta, e Rota ha composto nuove musiche, dando così vita ad uno spettacolo che può definirsi di ‘teatro totale’ e non un semplice balletto”. “Credo che questa sia la Compagnia che rappresenterà l’allestimento meglio di tutte le altre”, conclude. “Sono tutti bravissimi, sia il Corpo di Ballo del San Carlo che i primi ballerini solisti: Giovanna Spalice che interpreterà Gelsomina, Alessandro Macario nei panni del Matto e Luigi Ferrone nel ruolo di Zampanò”.

 

Il balletto firmato dal duo Pistoni-Rota riprende la storia d’amore e di violenza del film, ambientata sullo sfondo di un universo circense, itinerante lungo le vie di un’Italia povera e rurale. Protagonisti sono il forzuto e malvagio saltimbanco Zampanò, la dolce clown Gelsomina e lo stralunato equilibrista Il Matto. Il fascino di questo titolo risiede nel contrasto tra il suo essere poetico e la sua dimensione realista, tra la durezza di Zampanò e il disarmante candore di Gelsomina, e ancora tra l’amarezza della vita e la fantasia, che “nello scenario cupo e duro, aiuta a non morire”, scrisse Federico Fellini a proposito del suo film. Il regista, infine, ha quasi sempre partecipato con la moglie Giulietta Masina alle rappresentazioni del balletto, applaudendo il lavoro di Pistoni e dell’amico Rota.

 

Al San Carlo La Strada è andato in scena per la prima volta nella stagione 1977-1978, con protagonista Mario Pistoni, e in seguito nalla stagione 2001 nell’allestimento ripreso dal nipote Guido. Il Lirico di Napoli proporrà nuovamente alcuni estratti da La Strada nella serata omaggio dedicata al coreografo, in programma nella prossima edizione di OttobreDanza, insieme con scene tratte da un’altra celebre creazione dell’artista romano, Il Mandarino Meraviglioso su musiche di Bela Bartók.

 

Biglietti: da 10 a 20 euro

 

Infoline: Biglietteria del Teatro di San Carlo

tel. 081.7972331-412 – mail: biglietteria@teatrosancarlo.it