Venerdì 27 dicembre 2013 – ore 20.30

Auditorium ‘Carlo Pisacane’di Sapri

Concerto di fine anno

del Rotary Club di Sapri con la

Nuova Orchestra Scarlatti

Pagine vocali e strumentali di

J. Strauss, J. Brahms, J. Sibelius, F. Kreisler, G. Rossini,

W. A. Mozart, G. Verdi e al.

violoncello Pierluigi Marotta, clarinetto Gaetano Russo, baritono Juan Possidente

NUOVA ORCHESTRA SCARLATTI

violino solista e direttore Luigi De Filippi

La Nuova Orchestra Scarlatti con tre solisti cilentani

per il vario e animato concerto di fine anno

organizzato dal Rotary Club di Sapri

Il Rotary Club di Sapri ha organizzato il Concerto di fine anno della Nuova Orchestra Scarlatti che si terrà venerdì 27 dicembre, alle ore 20.30 presso l’Auditorium ‘Carlo Pisacane’ di Sapri. Il concerto, diretto dal M.° Luigi De Filippi che si esibirà anche in veste di violino solista, prevede un vario e animato programma vocale e orchestrale arricchito dalla partecipazione di altri tre solisti, tutti e tre cilentani: il baritono Juan Possidente, il violoncellista Pierluigi Marotta, il clarinettista, (nonché direttore artistico della Nuova Scarlatt), Gaetano Russo.

Si partirà nel più classico clima di festa di fine anno con la Radetzky Marsch di Johann Strauss padre e le trascinanti Danze ungheresi di Johannes Brahms. Poi al fascino nordico del Valzer triste del finlandese Jan Sibelilus replicherà il profumo viennese dei celebri Liebesleid e Liebesfreud di Fritz Kreisler e della frizzante Leichtes Blut, polka veloce di Johann Strauss figlio. La divertente Sinfonia dal Signor Bruschino di Rossini introdurrà Juan Possidente sulla scena prima nei panni dell’irresistibile Figaro del Barbiere di Siviglia, poi in quelli del Don Giovanni di Mozart. Sarà quindi la volta di Verdi prima con l’etereo Preludio all’atto I di Traviata, poi con il celebre Valzer dal Gattopardo, elaborazione in realtà di Nino Rota.

Due musicisti cilentani si affronteranno idealmente con forti passioni meridionali: quella del Preludio dai Masnadieri di Verdi, dominato dal canto caldo e virile affidato al violoncello di Pierluigi Marotta, quella di una Ave Maria, dolce e sensuale, per il clarinetto di Gaetano Russo. Ancora un travolgente tango in forma di Fuga, sempre di Piazzolla, e poi si chiuderà nel segno di Napoli, con la Tarantella di Ricci, Tu ca nun chiagne e, infine, la ‘nostra’ Radetzky Marsch, ovvero l’intramontabile ‘O Surdato ‘nnammurato.

Nuova Orchestra Scarlatti tel/fax 081.410175 – stampa: Luisa Maradei (333.5903471)

info@nuovaorchestrascarlatti.it www.nuovaorchestrascarlatti.it