Vladimir Fedoseyev debutta sul podio del San Carlo,

con il pianista Barry Douglas, che vi ritorna dopo 16 anni,

con due capolavori di Rachmaninov e Rimskij Korsakov

in un doppio appuntamento della stagione sinfonica 20XV/ 20XVI

già sold out

Teatro di San Carlo

Sabato 4 giugno 2016, ore 20.30 (Turno S)

Domenica 5 giugno 2016, ore 18.00 (Turno P)

Sabato 4 giugno 2016 ore 20.30 e domenica 5 giugno ore 18.00, in un doppio appuntamento già sold out in entrambe le date, al Teatro di San Carlo prosegue la stagione di concerti20XV/20XVI The Golden Stage con Vladimir Fedoseyev sul podio, alla guida dell’Orchestra stabile del Teatro di San Carlo e Barry Douglas al pianoforte, impegnati in un programma che vede susseguirsi in scaletta il Concerto n. 2 in do minore per pianoforte e  orchestra, op.18 di Sergej Rachmaninov (1873 – 1943) e Shahrazād, Suite sinfonica op. 35 di Nikolaj Rimskij-Korsakov (1844-1908).

Vladimir Fedoseyev, grande interprete del repertorio russo, è al suo debutto sul podio del Massimo napoletano. Direttore Artistico e Direttore Principale della Symphony Orchestra, è anche Direttore Ospite permanente della Opernhaus Zürich e della Zürich Tonhalle.

Nel corso della sua importante carriera ha avuto modo di dirigere compagini orchestrali di grande prestigio, dai Wiener Symphoniker, alla Čajkovskij Orchestra, dalla NHK di Tokyo all’Orchestra del Teatro Mariinskij di San Pietroburgo.

Torna al San Carlo dopo 16 anni di assenza Barry Douglas, pianista dalla solida carriera internazionale, medaglia d’oro nell’ambito della Čajkovskij International Piano Competition nel 1986. Douglas si esibisce regolarmente accanto a orchestre come la BBC Scottish Symphony, London Symphony, Russian National, Cincinnati Symphony, Singapore Symphony, Berlin Radio Symphony, Staatkapelle Halle, Orchestre National de France, Seattle Symphony, Melbourne Symphony, Royal Liverpool Philarmonic, Hong Kong Philarmonic Orchestra. È Direttore Artistico della Camerata Ireland e del Clandeboye Festival.

Il Concerto n. 2 in do minore per pianoforte e orchestra, op.18 di Sergej Rachmaninov (1873 – 1943), è il più celebre tra i cinque composti dall’autore. Dedicato, in segno di gratitudine al terapeuta Nicolai Dahl, che aiutò il Nostro ad uscire da una profonda depressione dovuta all’insuccesso della sua prima sinfonia, il Concerto n. 2 in do minore per pianoforte e orchestra ebbe da subito grandi consensi, e la sua fama è legata anche al film Breve incontro di David Lean, per cui fu scelto come colonna sonora. Presentato a Mosca il 9 novembre 1901 con l’autore al pianoforte e Alexander Ziloti alla direzione, rappresenta la prima opera matura di Rachmaninov, ricca di pathos post romantico e capace di coniugare, nel segno della migliore tradizione ciakovskiana, virtuosismo ed espressività.

Shahrazād, Suite sinfonica op. 35 di Nikolaj Rimskij-Korsakov (1844-1908) è tra le pagine più significative e brillanti del compositore russo. Composta nell’estate del 1888 ed eseguita per la prima volta il 28 ottobre dello stesso anno al Teatro Mariinskij di San Pietroburgo, è strutturata in quattro movimenti: Il mare e la nave di Sinbad; Il racconto del principe Kalender; Il principe e la principessa; Festa a Baghdad. Gli episodi, tutti tratti da Le mille e una notte, appaiono senza alcun legame tra loro. Più che raccontare infatti le vicende narrate nella sterminata raccolta di fiabe arabe, Korsakov mira ad evocare nella mente dell’ascoltatore le atmosfere fantastiche e multicolori del raffinato mondo orientale. Violino solista Gabriele Pieranunzi, una delle due spalle dell’Orchestra del San Carlo.

Il programma

Direttore | Vladimir Fedoseyev

Pianoforte | Barry Douglas

Sergej Rachmaninov, Concerto n. 2 in do minore per pianoforte e orchestra, op. 18

Nikolaj Rimskij-Korsakov, Shahrazād, Suite sinfonica, op. 35

Violino, Gabriele Pieranunzi

Orchestra del Teatro di San Carlo

Teatro di San Carlo

Sabato 4 giugno 2016, ore 20.30 (Turno S)

Domenica 5 giugno 2016, ore 18.00 (Turno P)