29 e 30 aprile 2017, Piccolo Bellini

I Cantodiscanto sono da sempre interessati all’incontro fra diverse culture e all’affinità delle forme musicali, in Todo el mundo a cantar, il loro ultimo lavoro, ci propongono canzoni scritte prevalentemente in napoletano, in alcuni casi ispirate a detti popolari o citazioni di “vecchi saggi”.  Partendo dall’idea che la musica è vita che va condivisa, si gioca anche un po’ col pubblico, come in Polka miselia, un brano in italiano che ironicamente riflette paradossi quotidiani: viene proposto in due versioni e sarà il pubblico a votare la versione che preferisce.
Il CD Todo el mundo a cantar è entrato nella prima scrematura del premio Tenco come migliore album in dialetto.

Piccolo Bellini  29 e 30 aprile 2017

Prezzi: Intero 15€ – ridotto (under 29, over 65, titolari di abbonamento del Teatro Bellini, cral, convenzioni) 10€

Orari: sabato h. 21.15, domenica h. 18:30

CANTODISCANTO

Todo el Mundo a cantar

Guido Sodo: chitarra classica

Frida Forlani: voce, flauto

Paolo Caruso: darbouka, cajon, pandeiro, drums

Ivan Valentini: sax soprano, sax alto

Gianni Calcaterra: contrabbasso

Da sempre interessati all’incontro fra diverse culture e all’affinità delle forme musicali, in questo ultimo lavoro proponiamo canzoni scritte prevalentemente in napoletano,  in alcuni casi  suggerite da detti popolari o citazioni di “vecchi saggi”. Vari temi vengono trattati: la necessità di essere coraggiosi per coricarsi con le donne belle (una metafora che allude alla realizzazione dei propri sogni), la capacità di affrontare i cambiamenti repentini della vita, la canzone d’amore, e il contatto con la natura – una storia di passione per il mare e la vela – ,  un incontro giocato quasi a ruoli inversi fra la Morte e un uomo che,  vessato da condizioni  insostenibili, invece di scappare le corre incontro per abbracciarla.
Rispetto ai lavori precedenti,  c’è una maggiore varietà nella musica, a cui questa volta hanno contribuito diversi componenti del gruppo,  in continuità con il nostro passato ma aperta a soluzioni inedite.
Non rinunciamo a divertirci, come in Polka miselia, un brano in italiano che ironicamente riflette paradossi quotidiani con il pubblico che sulla nostra pagina di Facebook  https://www.facebook.com/Cantodiscanto  può votare la versione preferita.

La musica è vita, e la vogliamo condividere con tutti. Il titolo di questo programma  allude a questo: venite tutti a cantare con noi!

Todo el mundo a cantar ha passato la prima selezione per le Targhe Tenco 2015 per i migliori album in dialetto, alcuni brani dal Cd sono stati mandati  in onda da Primo Movimento (Radio Tre RAI),  Scelti per voi (Radio Emilia-Romagna), Un mondo di  musica (Radio VoceSpazio).

Dicono di noi:

“Quest’album li mette direttamente nella categoria: – Perché non ho sentito prima questa magnifica band?(Vic Smith – fRoots Magazine)

“Un disco gustoso che non mancherà di regalare belle emozioni a quanti vi dedicheranno la loro attenzione” (Salvatore Esposito – Blog Foolk)

“Ecco finalmente un gruppo che se ne sta ben discosto da certo ciarpame tarantelleggiante che sta intasando le orecchie e ottenebrando le italiche menti negli ultimi anni” (Folk Bulletin)

I Cantodiscanto nascono negli anni 80 a Napoli come interprete di musica popolare. Rifondato a Bologna,  il gruppo scrive brani originali, vincendo fra l’altro il Premio Città di Recanati e il Premio nuovo Sud  e arrivando alla finale del Premio De André. In Italia partecipa, tra gli altri, al Carpino Folk Festival, alla Notte della Taranta, al Festival di Montalcino – Val d’Orcia, a Le vie dei Canti, al Finibus Terrae Festival, al Festival Sant’Arcangelo dei Teatri, al Festival Ville e Castella e all’Umbria Jazz, al Kals’Art, al Teglio Festival Valtellina, al Fest Festival, per Emergency, a Bè – Percorsi Artistici. All’estero, tocca per due tournée il Portogalllo nel Festival Sete sòis sete luas, che li vede partecipare anche nell’appendice francese. Seguono Capo Verde e Spagna, dove vengono trasmessi dalla Radio Nazionale (RNE) e poi di nuovo Francia.

Tra le partecipazioni cinema-radio-tv: il film documentario Busker’s, prodotto dalla Rai; il cortometraggio Chora; le trasmissioni Radio Tre – Il terzo anello musica, Lampi, Mediterraneo, Tournée, Fahreneit e File Urbani per Radio 3; alcune produzioni e serie su Rai 2 e Rai 3, tra cui la cui la fiction La nuova squadra Spaccanapoli. Si aggiungono all’estero la Televisione Svizzera Swiss e l’emittente radiofonica Catalunya Musica.

Guido Sodo – Napoletano, diplomato in chitarra classica, laureato con lode in Musica Elettronica – Musica applicata, s’interessa da tempo di musica antica e popolare del Sud Italia. Fondatore dei Cantodiscanto, compone anche per teatro e cinema. Per i film muti restaurati è esecutore dal vivo, oltre che in Italia anche in USA, Francia, Israele, Spagna, Argentina. Per il teatro, tra i diversi progetti, ha lavorato con il Mercadante, Stabile di Napoli, come coordinatore della parte musicale e come musicista in Zingari di Viviani per la regia di Davide Iodice, spettacolo di apertura alla stagione 2006-2007. Prodotta dallo stesso Mercadante, ha composto ed eseguito in scena la musica originale per ‘A Sciaveca, tragedia in versi flegrei di Mimmo Borrelli per la regia di Davide Iodice, debuttata al Festival di Spoleto nel 2008. Nel 2010 ha composto le musiche in Il fiore inesistente di e con Vittorio Franceschi, nel 2012 ha partecipato come compositore e musicista in scena a L’inatteso  di Fabrice Melquiot con Anna Amadori. Nel 2014 è stato Maestro concertatore per l’Orchestra dello Scorpione al Festival dello Scorpione di Taranto, nella stagione corrente è in scena col Teatro Bellini di Napoli con Euridice e Orfeo  di Valeria Parrella, regia di D. Iodice con Michele Riondino e Federica Fracassi,   è stato recentemente pubblicato per la Decca  il Cd Italia del tenore lirico Juan Diego Florez in cui ha suonato e arrangiato diversi brani.

Frida Forlani – Nata come cantante popolare e di impegno sociale e diplomata presso la Scuola per Artisti del Teatro Comunale di Bologna sotto la direzione del M.° Fulvio Angius, è stata solista del Canzoniere delle Lame di Bologna e ha esplorato diversi sentieri musicali, incontrando la musica antica, barocca e contemporanea. Fra le collaborazioni al suo attivo: le musiche di scena dal vivo ne La Tempesta per la regia di Glauco Mauri; la partecipazione nel CD Macramé di Ivano Fossati; per Rai3 la trasmissione Taxi di Lucio Dalla e Survival. Per i più piccini compone le musiche per favole e filastrocche, in collaborazione con Janna Cariali, autrice della Melevisione.

Paolo Caruso – Dopo l’approccio autodidatta verso ritmi e strumenti a percussione dell’area Afro-Cubana e Brasiliana, ha frequentato corsi specializzati della Drummers Collective di New York, studiando con Frankie Malabe (Peter Erkine group) e Cyro Baptista (David Byrne, Paul Simon). Ha preso parte a diverse tournée in Italia e all’estero con la band di Luca Carboni. Inoltre, ha suonato e collaborato assieme ai batteristi Daniele Tedeschi (Vasco Rossi) e Walter Calloni (Lucio Battisti, PFM), con il cantante Willy DeVille, il gruppo inglese Urban Cookies Collective, i Sambahia, Mario Lavezzi, gli Stadio, Daniele Fossati, i Gang, Alberto Solfrini, i Nomadi, Paolo Rossi, Tosca, Vinicio Capossela, Airto Moreira, Bob Moses.

Gianni Calcaterra  – Diplomato in contrabbasso  Conservatorio di Lucca, insegna e suona in concerto principalmente il repertorio sinfonico e operistico, lavorando nello stesso tempo con diverse formazioni e con il teatro. È stato prima assistente didattico a Spoleto al teatro “A.Belli”,  poi insegnante e tutor.  Dal 1988 insegna strumento, teoria musicale e solgeggio in diverse scuole a Bologna .

Ivan Valentini – Diplomato in saxofono e musica jazz, da oltre vent’anni conduce gruppi e progetti con i quali propone musiche di sua composizione, muovendosi nell’ambito dell’improvvisazione e interazione con altre forme espressive. Ha suonato in orchestre dirette da Henry Threadgill, Mathias Ruegg, Bruno Tommaso e, tra gli altri, con: Franco D’Andrea, Steve Bernstein, Enrico Rava, Tito Mangialajo, Lorena Fontana, Attilio Zanchi, Massimo Manzi, Alberto Capelli. Ha collaborato inoltre con il cantautore Vinicio Capossela e con la coreografa statunitense Teri Weikel.

Discografia

– Nuove Tendenze della Canzone d’Autore V, BMG-Ariola (CD compilation Premio Città di Recanati), 1994.

– Cercando la terra, Ermitage, 1997.

– Medinsud, Forrest Hills – Harmony Music, 2001.

– Pizzica la Tarantula, il Manifesto, 2011.

– Malmediterraneo, Forrest Hills, 2003. Entrato nella world music charts europe, con la   partecipazione di Faisal Taher, Gabin Dabire e di Lao Kouyate.

– Altreterre, il Manifesto, 2003.

– free Cd, fRoots Magazine, 2004.

– Pizzica la Tarantula 2, Stampa Alternativa, 2004.

– Cercando la terra (seconda edizione e remastering), Ermitage, 2006.

Tutto il mondo è paese, Associazione Culturale Medinsud, 2010.

Todo el mundo a cantar, Associazione Culturale Medinsud, 2014.