Mercoledì 8 novembre 2017, Teatro Nuovo di Napoli

Masculu e fiammina di e con Saverio La Ruina

L’artista calabrese porta in scena un toccante viaggio nei meandri dell’anima e della verità, tra ricordi, momenti belli, destini non facili e rotture drammatiche

Dopo le memorie emigranti e l’immersione nell’universo borghese, Saverio La Ruina torna a scavare nella terra antica di Calabria, ritrovando in quel dialetto, che è radice popolare, le ramificazioni di Masculu e fìammina, in scena, da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 21.00 (in replica fino a domenica 12) al Teatro Nuovo di Napoli.

Presentato da Scena verticale, Masculu e fiammina, che si avvale delle scene di Cristina Ipsaro e Riccardo De Leo, il disegno luci di Dario De Luca e Mario Giordano, le musiche originali di Gianfranco De Franco, è, prima di tutto, un racconto sull’amore, il racconto di una vita.

Un intenso monologo in cui è racchiuso il dramma di chi ha vissuto la vita nascondendosi, soffocando istinti e pulsioni per non far parlare la gente. Dopo una vita di verità ferite, di complicità mai trovate, di violenze subìte, di senso di diversità e d’inadeguatezza mai colmati, l’uomo, ormai maturo, riesce a parlare della sua diversità alla madre, al suo tumulo.

Punta dritto all’argomento che ha deciso di affrontare su quella tomba, la propria omosessualità, di cui, in realtà, con la mamma non ha mai parlato quando era viva. Trova il coraggio solo nel momento in cui lei non c’è più fisicamente, sempre pronta, comunque, ad accettarlo e proteggerlo.

L’uomo, in un incessante flusso di parole, ripercorre la sua vita, segnata da dolori e solitudine, immagine di quanta sofferenza possano portare pregiudizio, conformismo, ignoranza, ma con un indomabile coraggio di sperare in una società più gentile.

La costruzione linguistica è impostata su quel dialetto aspro, capace di una musicalità quasi ipnotica. La trama serve da spunto a Saverio La Ruina, che incarna Peppì, il protagonista che racconta di quando, bambino, gli piaceva guardare le gambe dei compagni a scuola e i ragazzini al mare del Lidu Aragosta, le prime disillusioni con Gianni, il ragazzo che gridava viva Marx, ma che sparisce quando scopre la sua omosessualità.

Poi, ci sono i primi incontri, Enzu, Vittorio e finalmente l’amore con Alfredo, ucciso una notte dalle bastonate di qualche omofobo.

Vent’anni dopo, poco è cambiato. Lì nel cimitero, ormai tranquillo signore, Peppì confessa alla madre di avere un sogno, quello di ibernarsi per svegliarsi un giorno e vivere in un mondo migliore.

In un meridione con la neve, tra le tombe, finalmente con la sensazione d’essere liberi di dire, prende vita uno scambio d’idee tra un figlio e una madre, e si lasciano andare i dolori, le piccole gioie, i silenzi, le paure, le violenze, la ricerca di un amore vero, il desiderio di essere accettati.

Masculu e fiammina di e con Saverio La Ruina

Napoli, Teatro Nuovo – da mercoledì 8 a domenica 12 novembre 2017

Inizio spettacoli ore 21.00 (venerdì), ore 18.00 (venerdì) e ore 18.30 (domenica)

Info e prenotazioni al numero 0814976267 email botteghino@teatronuovonapoli.it

Da mercoledì 8 a domenica 12 novembre 2017

Napoli, Teatro Nuovo

Scena Verticale

presenta

Masculu e fìammina

di e con Saverio La Ruina

musiche originali Gianfranco De Franco
collaborazione alla regia Cecilia Foti
scene Cristina Ipsaro e Riccardo De Leo
disegno luci Dario De Luca e Mario Giordano
audio e luci Mario Giordano
organizzazione Settimio Pisano

durata della rappresentazione 80’ circa, senza intervallo

L’idea di base è che un uomo semplice parli con la madre. Una madre che non c’è più. Lui la va a trovare al cimitero. Si racconta a lei, le confida con pacatezza di essere omosessuale, “o masculu e fìammina cum’i chiamàvisi tu”,  l’esistenza intima che viveva e che vive.

Non l’ha mai fatto, prima. Certamente questa mamma ha intuito, ha assorbito, ha capito tutto in silenzio. Senza mai fare domande. Con infinito, amoroso rispetto. Arrivando solo a raccomandarsi, quando il figlio usciva la sera, con un tenero e protettivo “Statti attìantu”. Ora, per lui, scatta un tipico confessarsi del sud, al riparo dagli imbarazzi, dai timori di preoccupare. Forse con un piccolo indicibile dispiacere di non aver trovato prima, a tu per tu, l’occasione di aprirsi, di cercare appoggio, delicatezza.

E affiorano memorie e coscienze di momenti anche belli, nel figlio, a ripensare certi rapporti con uomini in grado di dare felicità, un benessere che però invariabilmente si rivelava effimero, perché le cose segrete nascondono mille complicazioni, destini non facili, rotture drammatiche.

Nei riguardi di quella madre, pur così affettuosa e misteriosamente comprensiva, si percepisce comunque qualche rammarico, qualche mancata armonia. Ma tutto è moderato, è fatalistico, è contemplativo. In un meridione con la neve, tra le tombe, finalmente con la sensazione d’essere liberi di dire.