TEATRO TOTO’ srl

presenta

martedi 27 febbraio 2018 ore 21.00

al

TEATRO AUGUSTEO

Piazzetta Duca d’Aosta Napoli

FRANCESCA MARINI MASSIMO MASIELLO

in

“Verso il mito Edith Piaf”

di Gianmarco Cesario e Antonio Mocciola

Adattamento e Regia

di

GAETANO LIGUORI

Scene Tonino Di Ronza

Musiche Lino Cannavacciuolo

Costumi Maria Pennacchio

Consulenza Musicale Roberto Criscuolo

Aiuto Regia Maria Autiero

Foto Salvatore Liguori

Contributi video Alessio De Francesco

Arriva al Teatro Augusteo, martedì 27 febbraio alle ore 21.00, l’applaudito spettacolo musicale “ Verso il mito”. La deliziosa e possente messinscena presentata dal “Teatro Totò srl” e dedicata all’indimenticabile ”Passerotto”, Édith Piaf, con due artisti come Francesa Marini e Massimo Masiello. Grazie al testo scritto da Gianmarco Cesario e Antonio Mocciola e grazie ad una regia attenta, in grado di modellare e forgiare sensazioni, stati d’animi e sentimenti, come quella di Gaetano Liguori, all’Augusteo sarà possibile rivivere un momento diviso tra l’onirico e la realtà capace di riportare in vita quella infinita Piaf. Quella cantautrice del filone realista, all’anagrafe, Edith Giovanna Gassion,che sarà riconsegnata al pubblico con i suoi stessi occhi grandi ed intensi ed una voce ugualmente vitale, robusta e melodiosa, grazie ad una creatura da palcoscenico come Francesca Marini. Con lei, in scena, un cantante ed attore dalle infinite potenzialità canore e recitative come Massimo Masiello, che contribuirà nel dare vita a una storia che si dipanerà sulle continue e sofferte relazioni del grande “Passerotto” infelice. Con le musiche di Lino Cannavacciuolo, le scene di Tonino Di Ronza, i costumi di Maria Pennacchio ed ancora, con l’attenta consulenza musicale di Roberto Criscuolo, il lavoro proporrà il fantastico incontro di una Piaf morente con Azrael (personaggio affidato a Massimo Masiello ed il cui nome significa “colui che Dio aiuta”, e che nell’Islam è attribuito all’angelo della morte) Lo stesso che offrirà all’artista l’occasione di rivedere nuovamente coloro che tra passioni, tradimenti, destino ed irriconoscenza furono ora i suoi amori, ora i suoi compagni artistici. Ecco allora che attraverso la voce di un coinvolgente Masiello, a prendere corpo, accanto alla Piaf, saranno artisti come George Moustaki, Yves Montand, Charles Aznavour, Gilbert Becaup, Leo Ferré, Eddie Constantine e Theo Sarapo. Immaginato per Francesca Marini e Massimo Masiello, e portando in scena la vita di Edith Piaf con la sua infelicità, lo spettacolo colpirà positivamente anche gli spettatori dell’Augusteo grazie al suo grande carattere e alla capacità di costruzione di un mélos agile ed al tempo stesso vigoroso.