Giovedì 18 aprile alle ore 21

Teatro Politeama – via Monte di Dio, 80 (Napoli)

Jan Fabre

“The Night Writer – Giornale Notturno”

con Lino Musella

Teatri Associati di Napoli presenta la prima e unica data in Campania

del nuovo spettacolo dell’artista di Anversa

NAPOLI – Giovedì 18 aprile alle ore 21 al Teatro Politeama di Napoli, Teatri Associati di Napoli presenta per la prima volta in Campania e nell’unica data finora annunciata in regione, il nuovo spettacolo di Jan Fabre, “The Night Writer – Giornale Notturno”, monologo in italiano che raccoglie pagine dai diari personali e da alcuni precedenti scritti per il teatro dello straordinario artista di Anversa, che per il ruolo di sé stesso ha scelto l’attore napoletano Lino Musella. “The Night Writer” è il secondo titolo della stagione al Politeama di Teatri Associati di Napoli, che quest’anno ha idealmente unito centro e periferia cittadini con una programmazione, “Confini aperti”, divisa tra la sala del Teatro Area Nord a Piscinola e quella di via Monte di Dio. La chiusura di tale percorso sarà il 27 aprile con un’altra esclusiva di qualità: “Luciano” di Danio Manfredini.

“The Night Writer – Giornale notturno” è un autoritratto. Jan Fabre di notte scrive e disegna. “The Night Writer” raccoglie, come in un flusso, i suoi pensieri sull’arte e sul teatro, sul senso della vita, sulla famiglia, sul sesso, sull’amore: dai vent’anni di un giovane di provincia, sino alla maturità dell’artista celebrato in tutto il mondo. Come in una confessione, un mettersi a nudo con spregiudicatezza, con ironia e crudeltà, il copione raccoglie diverse pagine dei diari personali dell’autore, raccolti nei due volumi del “Giornale Notturno” pubblicati in Italia da Cronopio, oltre a brani tratti dai suoi scritti per il teatro: “La reincarnazione di Dio” (1976), “L’Angelo della Morte” (1996), “Io sono un errore” (1988), “L’imperatore della perdita” (1994), “Il Re del plagio” (1998), “Corpo, servo delle mie brame, dimmi…” (1996), “Io sono sangue” (2001), “La storia delle lacrime” (2005), “Drugs kept me alive”(2012). Lino Musella dà corpo a questo “diario umano” e restituisce l’irrestituibile: da grande attore incarna con verità, con poesia, con commozione, con ironia e con intelligenza questo carico di vita e di pensieri, con la stessa potenza, vitalità e bellezza, con cui l’autore li ha trasferiti su carta. Testo, scene e regia dello spettacolo sono di Jan Fabre, la drammaturgia è di Miet Martens e Sigrid Boussete con traduzione di Franco Paris, le musiche di Stef Kamil Carlens.

Biglietti: da 15 a 20 euro

Informazioni presso il botteghino del Teatro Augusteo (ore 10,30-19,30 – piazzetta Duca d’Aosta, 263 – tel. 081414243)

***

The Night Writer – Giornale notturno

Testo, scene e regia Jan Fabre

Con Lino Musella

Musica Stef Kamil Carlens

Drammaturgia Miet Martens, Sigrid Bousset

Traduzione Franco Paris

Direzione tecnica Geert Van der Auwera

Direzione di produzione Gaia Margherita Silvestrini

Produzione Troubleyn/Jan Fabre e Aldo Grompone

e

FOG Triennale Milano Performing Arts / LuganoInscena-LAC /

Teatro Metastasio di Prato / TPE – Teatro Piemonte Europa /

Marche Teatro / Teatro Stabile del Veneto

Produzione esecutiva e distribuzione Aldo Miguel Grompone

***

Jan Fabre (Anversa, 1958). È artista visivo, regista e autore teatrale. Da quarant’anni è tra le figure più innovative della scena internazionale. Ha esposto nei più importanti musei e istituzioni d’arte internazionali, dal Louvre a Parigi, all’Hermitage di San Pietroburgo, alla Biennale di Venezia. Tra i suoi lavori teatrali più recenti: “Mount Olympus. To glorify the cult of tragedy” del 2015 rappresentato in tutto il mondo; e l’ultimo “Belgian rules/Belgium rules”, che ha debuttato a Vienna a luglio 2017 dopo l’anteprima a Napoli. Il suo universo di uomo e di artista è svelato anche nei suoi scritti, e nei diari, raccolti in volume e pubblicati in Italia da Cronopio.

Lino Musella (Napoli, 1980). Studia recitazione con Guglielmo Guidi a Napoli e regia teatrale alla scuola Paolo Grassi di Milano. Si forma e lavora con Marcello Cotugno, Paolo Zuccari e Michela Lucenti/Balletto Civile. Negli anni alterna l’attivita di attore, regista, tecnico e disegnatore luci. Ha lavorato come attore (tra gli altri) con Valter Malosti, Serena Sinigaglia, Virginio Liberti e Annalisa Bianco, Loredana Scaramella, Claudio Autelli, Tommaso Pitta, Antonio Mingarelli, Fortunato Cerlino, Monica Nappo, Andrea Baracco, Santasangre, Antonio Latella, Alfredo Arias. Nel 1998 viene premiato come attore al Teatro Sannazzaro (Napoli) e nel 2003 vince la borsa di studio Gianni Agus (Premio Histryo), nel 2014 vince il Premio Le Maschere del Teatro come miglior attore emergente per “La società”. In Tv è fra gli interpreti di “Gomorra-La Serie”, al cinema ha preso parte al film  “Perez” di Eduardo De Angelis.