dal 6 al 15 dicembre 2019

Teatro Bellini

Dr. Nest

un’opera di Fabian Baumgarten, Anna Kistel, Björn Leese, Benjamin Reber, Hajo Schüler, Mats Suethoff, Michael Vogel

con Fabian Baumgarten, Anna Kistel, Björn Leese, Benjamin Reber, Mats Süthoff

maschereHajo Schüler
musiche Fabian Kalbitzer
scene Felix Nolze, Rotes Pferd
costumi Masha Schubert
sound design Dirk Schröder
disegno luci Reinhard Hubert

regia Hajo Schüler
co-regia Michael Vogel

produzione Familie Flöz
in coproduzione con Theaterhaus Stuttgart, Stadttheater Wolfsburg e L’Odyssée Périgueux con il supporto del Schleswig-Holstein Music Festival e Theater Duisburg. Finanziata da Hauptstadt Kulturfond e da Fonds Transfabrik

Due anni fa, con Teatro Delusio ci hanno raccontato il magico mondo del palcoscenico oggi i Familie Flöz, lo strabiliante gruppo berlinese che ci fa sognare con le sue maschere umanissime, torna al Teatro Bellini per addentrarsi nell’enigmatica cartografia del cervello e raccontare le torbide profondità dell’animo umano attraverso la storia del Dottor Nest. Ispirata da paradossali descrizioni di casi provenienti dalla neurologia, attraverso la storia del Dr Nest la compagnia ci spalanca le porte della sperduta casa di cura «Villa Blanca» per rivelare al pubblico i mondi bizzarri degli inquilini e del personale. Un giorno, il dottore viene svegliato di buon mattino da alcune voci e quando torna lentamente in sé nel reparto del remoto sanatorio «Villa Blanca», si ritrova solo. È preso dall’inquietudine. Per quanto l’ambiente circostante, i pazienti in arrivo e le infermiere in servizio gli siano familiari, egli si sente estraneo a sé stesso. Che cosa ci fa qui? Alla ricerca di certezze si aggrappa ai frammenti della sua memoria – la vita che si è lasciato alle spalle, i numerosi riconoscimenti ricevuti e ciò che egli ritiene essere la sua vocazione. Spinto dalla curiosità, dalla sete di conoscenza e dall’empatia incontra i suoi pazienti, tanto insoliti quanto misteriosi: corpi con vita propria, personalità dissociate, stati confusionali, demoni e allucinazioni. Movimento, spazio, parola, luce e suono danno vita ad un racconto, tragico e comico, incentrato sulle fragilità del destino umano.Info Spettacolo
Teatro Bellini, dal 6 al 15 dicembre
Orari: feriali ore 21:00 – sabato 7 e mercoledì 11 dicembre ore 17:30 e 21:00 – sabato 14 dicembre ore 19:00 – domenica ore 18:00
Prezzi: da 14€ a 32€ – 15€ under29

Dr Nest

La nuova produzione di Familie Flöz

Il dottor Nest viene svegliato di buon mattino da alcune voci. Ma quando torna lentamente in sé nel reparto del remoto sanatorio «Villa Blanca», si ritrova solo. È preso dall’inquietudine. Per quanto l’ambiente circostante, i pazienti in arrivo e le infermiere in servizio gli siano familiari, egli si sente estraneo a sé stesso. Che cosa ci fa qui?

Alla ricerca di certezze si aggrappa ai frammenti della sua memoria – la vita che si è lasciato alle spalle, i numerosi riconoscimenti ricevuti e ciò che egli ritiene essere la sua vocazione.
Da giovane medico assume un nuovo incarico sicuro di sé. Spinto dalla curiosità, dalla sete di conoscenza e dall’empatia incontra i fenomeni dei suoi pazienti, tanto insoliti quanto misteriosi: corpi con vita propria, personalità dissociate, stati confusionali, demoni e allucinazioni. Ciò che in un primo momento lo sconcerta, si rivela ben presto essere uno specchio folle di dubbi e insicurezze personali. La linea sottile fra normalità e anormalità, fra conscio ed inconscio, fra sano e malato sbiadisce davanti ai suoi occhi. Il dottor Nest segue con coraggio la sua voce interiore e, in cerca di vicinanza e di sé stesso, s’addentra in un cupo labirinto.

Nell’attuale spettacolo Familie Flöz torna alla maschera e con essa analizza l’enigmatica cartografia del cervello e le torbide profondità dell’animo umano. Ispirata da paradossali descrizioni di casi provenienti dal vasto campo della neurologia, la compagnia spalanca le porte di una casa di cura fittizia e rivela al pubblico i mondi bizzarri degli inquilini – e del personale. Movimento, spazio, parola, luce e suono danno vita ad un racconto, tanto tragico quanto comico, incentrato sulle fragilità del destino umano.

Familie Flöz – Storia

Flöz affonda le sue radici nella Folkwang-Hochschule di Essen, l‘unico istituto di formazione statale per il teatro di espressione corporea in Germania. Nel 1994 ha luogo la prima rappresentazione dell’opera teatrale ÜBER TAGE nell’Aula Magna della Folkwang-Hochschule, seguita nel 1995 dalla versione ridotta FLÖZ & SÖHNE. Nel 1996 presso la miniera dismessa “Hannover” a Bochum, ha luogo la prima assoluta della pièce FAMILIE FLÖZ KOMMT ÜBER TAGE, un omaggio alla cultura del lavoro e dell’industria mineraria della regione della Ruhr. L’opera viene salutata da stampa e pubblico come un grande successo e nel 2003 ispirerà il nome del gruppo. Flöz è il nome di uno strato geologico contenente preziose materie prime.

Nel 1998 il gruppo realizza il suo secondo spettacolo, RISTORANTE IMMORTALE, messo in scena nel Maschinenhaus di Essen con un ensemble rinnovato. RISTORANTE IMMORTALE inizia il suo tour in Spagna con tre settimane di spettacoli e diviene ospite del Festival de Otoño di Madrid; nel 1999 per la prima volta va in scena a Berlino. In occasione del debutto al Festival Fringe di Edimburgo del 2001, il gruppo si conferisce il nome Flöz Production, trasformato poi nell’attuale Familie Flöz. Nel 2000 e 2001 nascono a Essen e Dortmund le produzioni TWO% – HAPPY HOUR e TWO% – HOMO OECONOMICUS.

La pièce TEATRO DELUSIO, portata in scena per la prima volta nel 2004 all’Arena di Berlino, riscuote nuovamente un grande successo internazionale. Nel 2006 nascono due nuove produzioni: INFINITA, la cui prima assoluta ha luogo presso la Akademie der Künste di Berlino e HOTEL PARADISO che debutta nell’Admiralspalast di Berlino. L’attuale versione di HOTEL PARADISO viene portata in scena per la prima volta nel Theaterhaus Stuttgart nel 2008 con una nuova formazione della compagnia.

Nella cornice di “Duisburg Capitale Europea della Cultura”, nasce nel 2010 presso il Theater Duisburg la prima versione di GARAGE D’OR, la cui prima berlinese ha luogo nel 2011 presso la Volksbühne. L‘elaborazione della seconda versione della pièce, che debutta nel 2012 presso il Theaterhaus Stuttgart, viene registrata per il documentario Dietro la maschera – Il Teatro della Familie Flöz (titolo originale: Hinter der Maske – Das Theater der Familie Flöz) realizzato da arte TV e WDR. La prima del film ha luogo a Lipsia, nel corso del festival euro-scene.

Nel 2013, con entusiasta risonanza di stampa e pubblico ed il premio Off Critic Prize, Festival dAvignon, Flöz conclude la prima partecipazione al Festival di Avi­gnone. Nel Novembre 2014 esce la nuova produzione HAYDI!, che ottiene nel 2015 il riconoscimento del Premio Monica Bleibtreu come “Miglior Commedia”. Al Festival Fringe di Edimburgo 2015 HOTEL PARADISO si esibisce per tre settimane di fronte a sale del tutto esaurite.

Familie Flöz è stata a oggi con le sue opere teatrali in tournée in 34 diversi paesi.

Nel 2013 la compagnia inaugura lo Studio Flöz a Berlino, nuovo luogo di produzione e creazione di teatro fisico.

Familie Flöz – Approccio al teatro

Familie Flöz fa teatro servendosi di mezzi che vengono “prima” del linguaggio parlato. Ogni conflitto si manifesta prima di tutto nel corpo. Il conflitto corporeo è l’origine di ogni situazione drammatica. Tutte le pièce teatrali hanno origine da un processo creativo-collettivo, nel quale tutti gli interpreti fungono anche da autori di figure e di situazioni. Nel corso di svariate improvvisazioni, il gruppo individua un tema, raccoglie materiale drammatico e ne discute ancora molto a lungo, prima di mettere in gioco le maschere. Similmente a un testo, una maschera porta con sé non solo una forma, ma anche un contenuto. Il processo di sviluppo di una maschera, che va dalla sperimentazione sul palco, fino alla simbiosi attore/maschera è determinante per il risultato.

Il paradosso fondamentale della maschera, cioè il fatto di celare un viso animato dietro una forma statica e con essa di creare figure viventi, costituisce per l’attore una vera e propria sfida da raccogliere. E non solo per lui. La maschera prende vita innanzitutto nell’immaginazione dello spettatore, il quale in questo modo ne diventa, in una certa misura, anche il creatore.

Ricettivi anche verso le reazioni degli spettatori, con uno sguardo critico sempre rivolto al proprio lavoro, tutte le produzioni Flöz vengono spesso modificate nel corso del tempo, sviluppando così la loro pienezza e intensità.

Familie Flöz – Critiche

Un lavoro interamente senza parole ma straordinariamente eloquente, grazie alle grandi maschere grottesche che hanno reso celebre la compagnia tedesca nel mondo, e a un uso del corpo così maturo, da riuscire a imprimere alla rigidità delle maschere una varietà di espressioni e stati d’animo impensabile.         
La Repubblica

E gli scoppi di risa fra il pubblico, le urla isteriche o i profondi sospiri di complicità erano risultati inaspettati che esplodevano in sala, spesso senza alcun preavviso.                                
Le Monde

Non smette di stupire il fatto che delle maschere riescano a trasmettere una tale miriade di emozioni umane. () Eccellente!                                                                                                   
The Scotsman

Un lavoro di grande carica poetica che rimane nella memoria.                                            
El Mundo

Alla fine si potrebbe giurare che gli attori abbiano parlato, riso e pianto. Un emozionante esperimento teatrale. (…) Uno dei più straordinari progetti teatrali dei nostri tempi.                
Süddeutsche Zeitung

Familie chi? Si tratta di un collettivo di artisti berlinese il cui teatro di maschera fa furore e riempie i teatri in tutto il mondo.                                                                                                                 
Die Welt

Il pubblico ride a crepapelle, batte i piedi e alla ne si alza dalle sedie, come a ringraziare per un regalo. Il teatro può essere meraviglioso.                                                        
Berliner Zeitung

Familie Flöz – Repertorio

HAYDI!

Nel nuovo spettacolo, Familie Flöz insegue il bagliore effimero di quell’utopia che vuol garantire a tutti una casa ed è destinata a fallire. Ispirandosi alla figura archetipica del profugo, la compagnia presenta una raccolta di figure tipicamente Flöz che si intreccia a motivi provenienti dal racconto “Heidi”. L’insopportabile dicotomia fra la miseria di una famiglia in fuga e le nevrosi da benessere negli uffici
in centro Europa é stata la fonte di ispirazione per creare con HAYDI! un pezzo teatrale in cui si combinano fra loro forme rappresentative e narrative apparentemente inconciliabili.

TEATRO DELUSIO

Teatro nel teatro

La pluripremiata produzione di Familie Flöz: i tecnici teatrali Bob, Bernd e Ivan creano un teatro dell’esistenza dietro le quinte. Quello che di solito rimane nell’ombra viene improvvisamente illuminato dalle luci della ribalta.

HOTEL PARADISO

La scorciatoia per il paradiso passa per l’inferno

Strane cose accadono nel tranquillo HOTEL PARADISO, un piccolo albergo di montagna gestito con pugno di ferro dalla anziana capo-famiglia.
Ci sono quattro stelle che orgogliosamente troneggiano sull’entrata e una fonte che promette la guarigione di malattie fisiche e psichiche. Ma si intravedono nubi all’orizzonte. Quando il primo cadavere affiora, tutto l’albergo scivola in un vortice di strani avvenimenti. Fra le alte vette delle Alpi
si aprono abissi da cui è impossibile fuggire. La chiusura dell’albergo sembra a questo punto solo
una questione di tempo. Si sa, un cadavere non porta mai bene!

INFINITA

“Per tutta la vita ho avuto paura della morte, e ora che è arrivata… tutto qui?”  
Karl Valentin (1882-1948)

INFINITA è uno spettacolo sui primi e sugli ultimi istanti di vita, sulla nascita e sulla morte.
È uno spettacolo sui momenti in cui avvengono i grandi miracoli della vita: il timido ingresso nel mondo, i primi coraggiosi passi e l’inevitabile caduta finale. “Questo è un pezzo teatrale riempito
di maschere magiche, sublime teatro d’ombra e ammaliante musica.”


FAMILIE FLÖZ – DR NEST

Una produzione Familie Flöz in coproduzione con Theaterhaus Stuttgart, Stadttheater Wolfsburg e L’Odyssée Périgueux, con il supporto del Schleswig-Holstein Music Festival e Theater Duisburg. Finanziata da Hauptstadt Kulturfond e da Fonds Transfabrik.

Un´opera di                            Fabian Baumgarten

                                             Anna Kistel        

                                             Björn Leese

                                             Benjamin Reber

                                             Hajo Schüler

                                             Mats Suethoff

                                             Michael Vogel

Con                                       Fabian Baumgarten

                                             Anna Kistel        

                                             Björn Leese

                                             Benjamin Reber

                                             Mats Suethoff

Regia, Maschere                   Hajo Schüler

Co-Regia                               Michael Vogel

Scenografie                          Felix Nolze / Rotes Pferd

Costumi                                Mascha Schubert

Musiche                                Fabian Kalbitzer

Sound Design                       Dirk Schröder
Video                                    Martin Eidenberger

Disigno Luci                         Reinhard Hubert

Direttore di produzione        Gianni Bettucci

Produzione                           Julia Danila, Dorén Grafendorf

Assistenza Scenografie        Theresa HechtbauerAssistenza Maschere            Franziska Schubert

In Memoriam Paco Gonzalez
Prima 28. März 2018, Halle Ostkreuz Berlin

FAMILIE FLÖZ

Lehderstr. 39/41

D – 13086 Berlino

Telefono: +49 (0) 30 91 14 75 85

Fax: +49 (0) 30 92 37 13 23

www.floez.net