Il 19 Ottobre 2018 con una nostra produzione del Don Giovanni di Mozart nell’originale e appassionante versione dell’Orchestra di Piazza Vittorio inaugureremo la trentesima stagione del Teatro Bellini da quando nel 1988 fu ristrutturato e riaperto attraverso la volontà e l’iniziativa del suo fondatore Tato Russo che, con questo gesto, ha riconsegnato alla città uno dei suoi teatri più belli e prestigiosi.

Trent’anni in cui il teatro Bellini è diventato un punto di riferimento centrale nella produzione e programmazione teatrale italiana, per il pubblico, per gli artisti nazionali ed internazionali ospitati e per i giovani aspiranti attori formati dalla nostra accademia di recitazione, oggi chiamata Bellini Teatro Factory, nata anch’essa con la riapertura del teatro e giunta al suo decimo triennio di attività.

Trent’anni in cui l’attività teatrale – che nel tempo si è allargata con la programmazione del Piccolo Bellini e di molteplici attività collaterali come i concerti di musica classica dell’orchestra Corallium e Le Lezioni di Storia curate della casa editrice Laterza che si tengono la domenica mattina; le presentazioni di libri, le letture e i corsi di scrittura creativa organizzati all’interno del nostro foyer dall’associazione A voce Alta, sempre nel foyer vengono allestite le mostre di artisti contemporanei curate da Palomart o le serate dedicate al tango; e ancora le rassegna di danza contemporanea e quella dei concerti che si alternato alle stagioni di prosa, gli appuntamenti con i cantautori del Be Quiet sempre al Piccolo Bellini, le serate che dell’anno prossimo dedicheremo alla Stand Up Commedy e la Bellini Baby Factory nata da un anno e dedicata ai più piccoli – pur mantenendo una sua identità ben precisa ha continuato ad evolversi attraverso lo sguardo attento e vigile ai mutamenti della società, alle esigenze di un pubblico appassionato e curioso, al nascere e l’alternarsi sulla scena di nuovi linguaggi e nuovi artisti.

Il 2018 è anche l’anno in cui il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali ha collocato il teatro Bellini nella categoria dei Tric (Teatri di Rilevante Interesse Culturale) paragonabile alla vecchia categoria di teatro stabile privato che nei trent’anni di attività, salvo il triennio 2014/2017, era sempre stato riconosciuto al Bellini.

Forse è per questi motivi e per il lavoro svolto che possiamo constatare l’incoraggiante risposta del nostro pubblico che è in costante aumento nonostante la complessità di una proposta sempre di elevata qualità artistica ma non sempre scontata e rassicurante, che vede alternarsi in scena artisti riconoscibili ad altri meno popolari ma altrettanto interessanti ed innovativi.

Possiamo dire che il nostro lavoro miri a creare uno spettatore che vada a teatro per il piacere del teatro e non esclusivamente legato al nome di maggiore richiamo in cartellone. Uno spettatore che creda nel potere del teatro, nella sua funzione civica e sociale, che sappia fare di ogni stagione teatrale, a volte più soddisfacente a volte meno , un piccolo tesoro da portarsi dietro. Un’esperienza.

 

Le scelte della stagione 2018/2019: all’apertura del Don Giovanni di Mozart seguirà un’altra nostra nuova produzione: Fronte Del Porto, con la regia di Alessandro Gassmann e con protagonista Daniele Russo nel ruolo che sul grande schermo fu di Marlon Brando; si tratta di un progetto in continuità con la fortunata produzione di Qualcuno volò sul nido del cuculo composto dallo stesso cast artistico. Infine sempre fra le nostre produzioni in scena al Bellini Il binomio shakespeariano composto da Tito da me diretto e Giulio Cesare diretto da Andrea De Rosa costituiranno primo e secondo atto di un unico spettacolo che chiuderà per questa stagione la presenza delle nostre produzioni al Bellini.

Mentre al Piccolo Bellini gli spettacoli programmati di nostra produzione saranno: Io mai niente nessuno avevo fatto del gruppo Vuccirìa Teatro per la drammaturgia e regia di Joele Anastasi di cui avete già visto amato e conosciuto l’anno scorso Immacolata Concezione; Tiny Dinamite per la regia di Bruno Tramice; Il cielo in una stanza del gruppo Punta Corsara per la regia di Emanuele Valenti; Creditori di A. Strindberg diretto da Orlando Cinque e Look Like, spettacolo nato interamente all’interno della Bellini Teatro Factory, scritto da Francesco Ferrara per la regia di Salvatore Cutrì.

Per quel che riguarda l’ospitalità abbiamo scelto di ripetere l’Elvira (Elvira Jouvet 40) di Toni Servillo perché potesse essere visto da chi non ci è riuscito due anni fa o rivisto da chi, come noi, ne ha amato interpretazione e contenuti.

Il nostro pubblico li aspettava da un po’ e torneranno anche i Momix con il loro Viva Momix Forever.

Ne abbiamo visto un assaggio al Festival di Sanremo, lo vedremo per intero in scena a Marzo, La Notte poco prima della foresta di Koltes nella magistrale interpretazione di Pier Francesco Favino.

La potenza del linguaggio del corpo sarà protagonista de La Scortecata da G.Basile e il controverso Bestie di Scena; due spettacoli di Emma Dante che si alterneranno una settimana dopo l’altra costituendo un focus sull’artista siciliana.

Dalla Sicilia ci spostiamo alla Sardegna che da qualche anno ha investito e fatto crescere un’artista come Alessandro Serra che con il suo onirico Macbettu ha sorpreso ed emozionato pubblico e critica diventando il caso teatrale della stagione appena terminata. Alessandro Serra sarà presente in stagione anche al Piccolo Bellini con il suo nuovo spettacolo Frame.

Maria Paiato sarà protagonista di Così è (se vi pare) diretta da Filippo Dini, di cui ricorderete lo splendido Ivanov ammirato due stagioni fa.

Cous cous Klan è il nuovo esilarante spettacolo del gruppo Carrozzeria Orfeo che vi proponiamo per la prima volta a Napoli sicuri di regalare al nostro pubblico una gradita sorpresa.

L’occhio del grande fratello ci guarderà durante 1984 di G.Orwell, in scena per la regia del britannico Mathew Lenton.

Ragazzi di Vita di Pier Paolo Pasolini, per la regia di Massimo Popolizio e La Classe operaia va in paradiso dal film di Elio Petri diretto da Claudio Longhi ci offriranno uno sguardo crudo ed attuale delle classi sociali storicamente più deboli della nostra nazione.

La stagione si chiuderà con Silvio Orlando regista e interprete di Si nota all’imbrunire scritto e diretto da Lucia Calamaro che già l’anno scorso con La vita ferma ha divertito e commosso il pubblico del Piccolo Bellini.

Ed è proprio al Piccolo Bellini che contemporaneamente agli spettacoli in programma al Bellini continueranno ad andare in scena le proposte più interessanti del teatro contemporaneo:

alle nostre produzioni di cui abbiamo già detto si alterneranno Il Nullafacente di Michele Santeramo; l’adattamento teatrale di un film come Trainspotting nell’avvincente e grottesca versione di Sandro Mabellini; l’amatissimo Ferdinando di A.Ruccello, per la regia di Nadia Baldi; quattro volte vincitore del premio Ubu Danio Manfredini è autore e interprete del suo Vocazione; Avevo un bel pallone rosso è il testo spiazzante di Angela Demattè diretto da Carmelo Rifici. E ancora: Settimo Cielo, un lavoro prodotto dal Teatro Argentina di Roma in collaborazione con l’Angelo Mai, diretto da Giorgina Pi, Ritratto di donna araba che guarda il mare di Davide Carnevali diretto da Claudio Autelli.

Licia Lanera adatta, dirige e interpreta Cuore di Cane di Michail Bulgakov. Il gruppo Il teatro nel baule sarà presente con Desidera. Infine Made in china postcard from Van Gogh; Un eschimese in Amazzonia; Il contrario di uno da Erri De Luca di Nicola Laieta prodotto dai Maestri di Strada; La rondine; Se non sporca il mio pavimento, un melò; sono i cinque lavori che completeranno una stagione di 20 spettacoli complessivi.

Ci auguriamo che le nostre proposte possano ancora una volta e sempre di più incuriosirvi, stimolarvi, appassionarvi; sicuri di aver lavorato con attenzione e scrupolo, consci della responsabilità che un teatro ha nei confronti del suo pubblico e dei più giovani chiamati con sempre maggiore insistenza e forza ad essere spettatori e consumatori passivi dei prodotti che gli si offrono.

Il teatro è ancora e sarà sempre un porto franco, un luogo in cui potersi esprimere, confrontarsi e vivere emozioni condivise, reali.

Come ogni anno la Bellini Giovani Card è un pacchetto di 8 spettacoli con un prezzo particolarmente agevolato dedicato esclusivamente agli under29.

Regalatelo ai vostri figli o ai vostri nipoti, per alcuni non sarà il regalo più atteso ma magari, nel tempo, scopriranno quanto sia prezioso.

Buon teatro a tutti.

Il direttore artistico

Gabriele Russo

Calendario Teatro Bellini 2018-2019

dal 19 al 28 ottobre

DON GIOVANNI DI MOZART secondo L’ORCHESTRA DI PIAZZA VITTORIO

con Petra Magoni, Simona Boo, Hersi Matmuja, Mama Marjas, Evandro Dos Reis, Omar Lopez Valle, Houcine Ataa

pianoforte Leandro Piccioni contrabbasso Pino Pecorelli, batteria Ernesto Lopez Maturell, chitarre Emanuele Bultrini, tastiere Andrea Pesce

elaborazioni musicali Mario Tronco, Leandro Piccioni, Pino Pecorelli

direzione artistica e regia Mario Tronco

regia Andrea Renzi

direzione musicale Leandro Piccioni

coproduzione Fondazione Teatro di Napoli – Teatro Bellini, Accademia Filarmonica Romana, Le nuits de Fourvière – Lione

produzione originale Accademia Filarmonica Romana, Le nuits de Fourvière – Lione 2017

 

dal 6 al 25 novembre

FRONTE DEL PORTO

di Budd Schulberg con Stan Silverman

traduzione e adattamento Enrico Ianniello

con Daniele Russo, Antimo Casertano, Orlando Cinque, Francesca De Nicolais, Vincenzo Esposito, Ernesto Lama, Daniele Marino, Biagio Musella, Edoardo Sorgente, Pierluigi Tortora

scene Alessandro Gassmann

costumi Mariano Tufano

luci Marco Palmieri

videografie Marco Schiavoni

musiche Pivio e Aldo De Scalzi

uno spettacolo di Alessandro Gassmann

coproduzione Fondazione Teatro di Napoli – Teatro Bellini, Teatro Stabile di Catania

 

dal 27 novembre al 2 dicembre

1984

di George Orwell

adattamento e traduzione Matthew Lenton e Martina Folena

con Luca Carboni, Eleonora Giovanardi, Nicole Guerzoni, Stefano Agostino Moretti, Aurora Peres, Mario Pirrello, Andrea Volpetti

regia Matthew Lenton

produzione Emilia Romagna Teatro, CSS Teatro stabile di innovazione del FVG

 

dal 7 al 16 dicembre

COUS COUS KLAN

drammaturgia Gabriele Di Luca

con Angela Ciaburri, Alessandro Federico, Pier Luigi Pasino, Beatrice Schiros, Massimiliano Setti, Alessandro Tedeschi voce fuori campo Andrea Di Casa

regia Gabriele Di Luca, Massimiliano Setti, Alessandro Tedeschi

uno spettacolo di Carrozzeria Orfeo

coproduzione Teatro dell’Elfo, Teatro Eliseo, Marche Teatro

in collaborazione con Fondazione Teatro della Toscana, La Corte Ospitale – residenze artistiche

dal 26 dicembre al 6 gennaio

VIVA MOMIX FOREVER

direttore artistico Moses Pendleton

codirettore artistico Cynthia Quenn

uno spettacolo dei Momix

dall’8 al 20 gennaio

ELVIRA (Elvire Jouvet 40)

di Brigitte Jacques © Éditions Gallimard

da Molière e la commedia classica di Louis Jouvet

traduzione Giuseppe Montesano

con Toni Servillo, Petra Valentini, Francesco Marino, Davide Cirri

regia Toni Servillo

coproduzione Teatri Uniti, Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa

dal 22 al 27 gennaio

COSI’ E’ (SE VI PARE)

di Luigi Pirandello

con Francesca Agostini, Mauro Bernardi, Andrea Di Casa, Filippo Dini, Giovanni Esposito, Ilaria Falini, Mariangela Granelli, Orietta Notari, Maria Paiato, Nicola Pannelli, Benedetta Parisi

regia Filippo Dini

produzione Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale

dal 29 gennaio al 3 febbraio

LA SCORTECATA

liberamente tratto da Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile

testo e regia Emma Dante

con Salvatore D’Onofrio, Carmine Maringola

coproduzione Festival di Spoleto 60, Teatro Biondo di Palermo

in collaborazione con Atto Unico, Compagnia Sud Costa Occidentale

coordinamento e distribuzione Aldo Miguel Grompone, Roma

dal 5 al 10 febbraio

BESTIE DI SCENA

scritto e diretto da Emma Dante

con Elena Borgogni, Sandro Maria Campagna, Viola Carinci, Italia Carroccio, Davide Celona, Sabino Civilleri, Roberto Galbo, Carmine Maringola, Ivano Picciallo, Leonarda Saffi, Daniele Savarino, Stephanie Taillandier, Emilia Verginelli, Marta Zollet

e con Daniela Macaluso, Gabriele Gugliara

coproduzione Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa, Atto Unico, Compagnia Sud Costa Occidentale, Teatro Biondo di Palermo, Festival d’Avignon

coordinamento e distribuzione Aldo Miguel Grompone, Roma

dal 12 al 17 febbraio

MACBETTU

tratto dal Macbeth di William Shakespeare

traduzione in sardo Giovanni Carroni

con Fulvio Accogli, Andrea Bartolomeo, Leonardo Capuano, Andrea Carroni, Giovanni Carroni, Maurizio Giordo, Stefano Mereu, Felice Montervino

coproduzione Sardegna Teatro, Compagnia Teatropersona

dal 26 febbraio al 4 marzo

LA NOTTE POCO PRIMA DELLE FORESTE

di Bernard-Marie Koltès

traduzione Giandonato Crico, Pierfrancesco Favino

adattamento teatrale Pierfrancesco Favino

con Pierfrancesco Favino

regia Lorenzo Gioielli

produzione Compagnia Gli Ipocriti

dal 12 al 24 marzo

TITO/GIULIO CESARE

2 riscritture originali da Shakespeare

Tito di Michele Santeramo

con cast da definire

regia Gabriele Russo

Giulio Cesare di Fabrizio Sinisi

con cast da definire

regia Andrea De Rosa

produzione Fondazione Teatro di Napoli – Teatro Bellini

dal 26 al 31 marzo

RAGAZZI DI VITA

di Pier Paolo Pasolini

drammaturgia Emanuele Trevi

con Lino Guanciale, Sonia Barbadoro, Giampiero Cicciò, Roberta Crivelli, Flavio Francucci, Francesco Giordano, Lorenzo Grilli, Michele Lisi, Pietro Masotti, Paolo Minnielli, Alberto Onofrietti, Lorenzo Parrotto, Cristina Pelliccia, Silvia Pernarella, Elena Polic Greco, Francesco Santagada, Stefano Scialanga, Josafat Vagni, Andrea Volpetti

regia Massimo Popolizio

produzione Teatro di Roma – Teatro Nazionale

 

dal 9 al 14 aprile

LA CLASSE OPERAIA VA IN PARADISO

liberamente tratto dal film di Elio Petri

sceneggiatura di Elio Petri, Ugo Pirro

di Paolo Di Paolo

con Donatella Allegro, Nicola Bortolotti, Michele Dell’Utri, Simone Francia, Lino Guanciale, Diana Manea, Eugenio Papalia, Franca Penone, Simone Tangolo, Filippo Zattini

regia Claudio Longhi

produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione

 

dal 3 al 12 maggio

SI NOTA ALL’IMBRUNIRE (SOLITUDINE DA PAESE SPOPOLATO)

di Lucia Calamaro

con Silvio Orlando, Riccardo Goretti, Roberto Nobile, Alice Redini, Maria Laura Rondanini

regia Lucia Calamaro

coproduzione Cardellino srl, Teatro Stabile dell’Umbria

in collaborazione con Fondazione Campania dei Festival – Napoli Teatro Festival Italia

Calendario Piccolo Bellini 2018-2019

dal 9 al 14 ottobre

TINY DYNAMITE

di Abi Morgan

con Bruno Tràmice, Ettore Nigro, Cecilia Lupoli

regia Bruno Tràmice

produzione Fondazione Teatro di Napoli – Teatro Bellini

dal 23 al 28 ottobre

IO MAI NIENTE CON NESSUNO AVEVO FATTO

drammaturgia Joele Anastasi

con Joele Anastasi, Enrico Sortino, Federica Carruba Toscano

regia Joele Anastasi

uno spettacolo di Vuccirìa Teatro

produzione Fondazione Teatro di Napoli – Teatro Bellini

 

dal 30 ottobre al 4 novembre

CUORE DI CANE

di Michail Bulgakov

con Licia Lanera, Tommaso Qzerty Danisi

adattamento e regia Licia Lanera

produzione Compagnia Licia Lanera/TPE – Teatro Piemonte Europa

 

dal 6 al 25 novembre

FERDINANDO

di Annibale Ruccello

con Gea Martire, Chiara Baffi, Fulvio Cauteruccio, Francesco Roccasecca

regia Nadia Baldi

produzione Teatro Segreto srl

dal 27 novembre al 2 dicembre

DESIDERA

regia e drammaturgia Simona Di Maio, Sebastiano Coticelli

con Giuseppe Brancaccio, Sebastiano Coticelli, Simona Di Maio, Amalia Ruocco, Dimitri Tetta

produzione Il Teatro nel Baule

dal 4 al 9 dicembre

MADE IN CHINA postcards from Van Gogh

drammaturgia Simone Perinelli

con Claudia Marsicano, Simone Perinelli

regia Simone Perinelli

produzione Fondazione Teatro della Toscana

 

dall’11 al 16 dicembre

AVEVO UN BEL PALLONE ROSSO

di Angela Demattè

con Andrea Castelli, Francesca Porrini

regia Carmelo Rifici

coproduzione LuganoInScena, TPE Teatro Piemonte Europa, CTB Centro Teatrale Bresciano

dal 26 dicembre al 6 gennaio

IL CIELO IN UNA STANZA

drammaturgia Emanuele Valenti, Armando Pirozzi

con Giuseppina Cervizzi, Christian Giroso, Sergio Longobardi, Valeria Pollice, Emanuele Valenti, Gianni Vastarella

voce registrata Peppe Papa

collaborazione artistica Marina Dammacco

regia Emanuele Valenti

uno spettacolo di Punta Corsara

coproduzione Fondazione Teatro di Napoli – Teatro Bellini, 369gradi

 

dall’11 al 27 gennaio

CREDITORI

di August Strindberg

con Orlando Cinque, Arturo Muselli, Maria Pilar Pérez Aspa

regia Orlando Cinque

produzione Fondazione Teatro di Napoli – Teatro Bellini, Hangar-O

 

dal 5 al 10 febbraio

VOCAZIONE

di Danio Manfredini

con Danio Manfredini, Vincenzo Del Prete

regia Danio Manfredini

produzione La Corte Ospitale

 

dal 12 al 17 febbraio

UN ESCHIMESE IN AMAZZONIA

ideazione, testi e regia Liv Ferracchiati

scrittura scenica di e con Greta Cappelletti, Laura Dondi, Liv Ferracchiati, Giacomo Marettelli Priorelli, Alice Raffaelli

coproduzione Teatro Stabile dell’Umbria, Centro teatrale MaMiMò, Campo Teatrale, The Baby Walk

in collaborazione con Residenza Artistica Multidisciplinare presso Caos – Centro Arti Opificio Siri Terni

 

dal 19 al 24 febbraio

FRAME

progetto e ideazione Alessandro Serra

con Francesco Cortese, Riccardo Lanzarone, Maria Rosaria Ponzetta, Emanuela Pisicchio, Giuseppe Semeraro

regia Alessandro Serra

coproduzione Cantieri Teatrali Koreja, Compagnia Teatropersona

 

dal 27 febbraio al 1 marzo

LOOK LIKE

drammaturgia Francesco Ferrara

con Chiara Celotto, Simone Mazzella, Rosita Chiodero, Manuel Severino, Salvatore Cutrì

regia Salvatore Cutrì

produzione Fondazione Teatro di Napoli – Teatro Bellini

 

dal 5 al 10 marzo

SE NON SPORCA IL MIO PAVIMENTO un melò

drammaturgia Giuliano Scarpinato, Gioia Salvatori

con Michele Degirolamo, Francesca Turrini, Ciro Masella

in video Beatrice Schiros

regia Giuliano Scarpinato

produzione Wanderlust Teatro, CSS Teatro stabile di innovazione del FVG

in collaborazione con Teatro di Rifredi, Corsia OF – Centro di Creazione Contemporanea, Industria Scenica, Angelo Mai Altrove Occupato

 

dal 12 al 17 marzo

LA RONDINE (LA CANZONE DI MARTA)

di Guillem Clua

traduzione Martina Vannucci

adattamento Pino Tierno

con Lucia Sardo, Luigi Tabita

regia Francesco Randazzo

coproduzione Associazione Teatro Biondo Stabile di Palermo, Teatro Stabile di Catania

dal 19 al 24 marzo

IL NULLAFACENTE

di Michele Santeramo

con Vittorio Continelli, Silvia Pasello, Francesco Puleo, Michele Santeramo, Tazio Torrini

regia Michele Santeramo

produzione Fondazione Teatro della Toscana

 

dal 26 al 31 marzo

RITRATTO DI DONNA ARABA CHE GUARDA IL MARE

di Davide Carnevali

con Alice Conti, Michele Di Giacomo, Giacomo Ferraù, Giulia Viana, Noemi Bresciani

regia Claudio Autelli

coproduzione LAB121, Riccione Teatro in collaborazione con Teatro San Teodoro Cantù

 

dal 9 al 14 aprile

SETTIMO CIELO

di Caryl Churchill

traduzione Riccardo Duranti

con Marco Cavalcoli, Sylvia De Fanti, Tania Garribba, Aurora Peres, Alessandro Riceci, Marco Spiga

regia Giorgina Pi

produzione Teatro di Roma, Angelo Mai/Bluemotion

 

dal 2 al 5 maggio

IL CONTRARIO DI UNO

da Erri De Luca

adattamento e regia Nicola Laieta

con i giovani del Laboratorio Territoriale delle Arti, i peer educator dell’Associazione Maestri di Strada ONLUS, Associazione Trerrote

produzione Associazione Maestri di Strada ONLUS, Associazione Trerrote

in collaborazione con Centro Giovanile Asterix

dal 7 al 12 maggio

TRAINSPOTTING

da Irvine Welsh

uno spettacolo di Sandro Mabellini

drammaturgia scenica e interpretazione Marco S. Bellocchio, Valentina Cardinali, Michele Di Giacomo, Riccardo Festa

coproduzione Viola Produzioni S.r.l., Accademia degli Artefatti 2018_20