Omaggio a Sarah Kane nel ventennale della scomparsa

Al Ridotto del Mercadante l’11 e il 12 dicembre

il convegnoa cura diRoberto D’Avascioe Bianca Del Villano

“I am much fucking angrier than you think”:

il teatro di Sarah Kane vent’anni dopo

dedicato alla drammaturga britannica scomparsa a soli 28 anni

la cui opera ha segnato la scena europea contemporanea

Interverranno con letture, performance e video:

Cristina Donadio, Imma Villa, Monica Nappo, Elena Arvigo
Elisa Buttà, Valentina Dalsigre Cirollo, Maria Chiara Falcone, Maria Teresa Panariello

Mercoledì 11 e giovedì 12 dicembre, al Ridotto del Mercadante, il Teatro Stabile di Napoli-Teatro Nazionale promuove in collaborazione con Comune di NapoliCentro Argo/ Università degli Studi di Napoli “L’Orientale” e Arci Movie, una due giorni di studi, tra dibattiti, letture, proiezioni e spettacoli, dedicati alla figura e all’opera della scrittrice britannica Sarah Kane nel ventennale della scomparsa.

Della giovane drammaturga britannica nata nel 1971 a Brentwood e morta nel 1999 a Londra, si indagheranno ed approfondiranno, attraverso i contributi di studiosi di teatro, di letteratura e cultura inglese, di critici teatrali, di giornalisti, di registi e attori, i diversi aspetti tematici e formali relativi alla sua produzione e al suo universo creativo. Gli argomenti di dibattito verteranno intorno all’impatto dello In-yer-face-theatre sulla drammaturgia europea di fine Novecento; alla fortuna e la ricezione delle opere di Sarah Kane sulle scene europee prima e dopo la scomparsa; all’esplorazione del registro tragico/grottesco del teatro di Sarah Kane e di altri drammaturghi di fine Novecento.

Sotto il titolo “I am much fucking angrier than you think”: il teatro di Sarah Kane vent’anni dopo,il convegnoa cura di Roberto D’Avascio Bianca Del Villano prevedeil seguente programma:

11 DICEMBRE 2019 TEATRO MERCADANTE – RIDOTTO

9.30 > 10.15: Saluti

Luigi De Magistris, Sindaco di Napoli,

Rosita Marchese, Vicepresidente Teatro Stabile di Napoli-Teatro Nazionale,

Bianca Del Villano, Centro Argo/Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”

e Roberto D’Avascio, Presidente Arci Movie

10.15: Proiezione del video Sarah Kane, il teatro sulla pelle, 2019

a cura di Arci Movie e Collettivo Super8, con Maria Teresa Panariello

10.30 > 11.30: KEYNOTE LECTURE 1

Presiede Bianca Del Villano Università di Napoli “L’Orientale”,

Graham Saunders, University of Birmingham:

A Shop Window for OutrageHarold Pinter’s Ashes to Ashes,

In-Yer Face Theatre & the Royal Court’s 1996 West End Season

11.30 > 13.00: PANEL 1 LA FORTUNA SCENICA DI SARAH KANE

Presiede Paolo Pepe, Università E-Campus

Rodolfo di Giammarco, giornalista di la Repubblica:

Le parole che m’ha detto, gli anni Novanta che ha vissuto,

il suo 4:48 Psychosis che ho visto postumo al debutto londinese

Carmen Dell’Aversano, Università di Pisa:

Everyone likes Hippolytus: una lettura girardiana di Phaedra’s Love

Giulia Morelli giornalista di Hystrio e Curatrice del Teatro di Rai 5:

Parole, voce, suono, respiro. 4:48 Psychosis da monologo a opera

13.00: Imma Villa, Elisa Buttà, Valentina Dalsigre Cirollo

e Maria Chiara Falcone leggono Sarah Kane

13.30 > 14.30: pausa pranzo

14.30 > 16.00PANEL 2 IL TEATRO RACCONTA IL TEATRO

Presiede Annamaria Sapienza, Università di Salerno

Elena Arvigo, attrice:

Kane – Calvani, un nuovo inizio

Gian Maria Cervo, drammaturgo e traduttore:

Sarah Kane e la Fontana di Bethesda

Pierpaolo Sepe, regista:

Sarah Kane non ha figli

21.00: 4:48 PSYCHOSIS

uno spettacolo di Valentina Calvani con Elena Arvigo (segue scheda completa)

12 DICEMBRE 2019 TEATRO MERCADANTE – RIDOTTO

10.00 > 11.00: KEYNOTE LECTURE 2

Presiede Chiara Battisti, Università di Verona

Helen Iball, Univesity of Leeds:

For Cate and Kane: a diffractive analysis of Blasted

11.00 > 12.30PANEL 3 SARAH KANE IN ITALIA

Presiede Marco De Marinis, Università di Bologna

Sara Soncini, Università di Pisa:

4.48 Psychosis sulle scene italiane

Roberto D’Avascio, Università di Napoli “L’Orientale”:

Fedra in-yer-face, la messa in scena del visibile

Gianfranco Capitta, giornalista de il Manifesto:

Uno spettatore italiano di Sarah Kane

12.30Cristina Donadio legge Sarah Kane

13.00 > 14.30: pausa pranzo

14.30 > 16.00: PANEL 4 DA ARTAUD A KANE: PSICOSI

Presiede Stefano Manferlotti, Università di Napoli “Federico II”

Angela Leonardi, Università di Napoli “Federico II”:

Psicosi individuale e psicosi di massa in Blasted di Sarah Kane

Video-intervento di Monica Nappo, attrice

Cecilia Gabbi, Università di Bologna:

Il teatro dell’uomo spezzato tra Antonin Artaud e Sarah Kane

16.00: chiusura dei lavori

Ridotto del Mercadante | mercoledì 11 dicembre ore 21.00

4:48 PSYCHOSIS
di Sarah Kane
traduzione Barbara Nativi
regia Valentina Calvani
con Elena Arvigo
scene, costumi e luci Valentina Calvani e Elena Arvigo
musiche originali Susanna Stivali
produzione SantaRita Teatro

4:48 Psychosis è l’ultimo testo scritto da Sarah Kane, una partitura lirica, una sinfonia sull’amore e sull’assenza di amore attraversato in versione integrale da Elena Arvigo che dà voce e corpo alla parola dell’autrice che è flusso di pensiero: 24 quadri in cui non ci sono indicazioni per la messa in scena né temporali né psicologiche. 4:48 Psychosis racconta la fragilità dell’amore, la ribellione nei confronti dell’ordine costituito, la tenacia di fronte all’irrinunciabilità della speranza sentimentale.

Non è dunque l’ultima lettera di un suicida, ma una preghiera, una richiesta di ascolto e di amore in una società sorda, anestetizzata in cui non c’è spazio per emozioni estreme, forti, devastanti. Una società che si ostina a “voler curare” invece che “prendersi cura”. C’è bisogno di un teatro che risvegli “nervi e cuori” e 4:48 Psychosis porta alla luce il desiderio di speranza celato nel disagio, offrendo al pubblico l’opportunità di riscoprire il senso di compassione e umanità affinché la speranza diventi una possibilità mai più tradita. Questa lettura di 4.48 Psychosis non vuole essere uno spettacolo sulla follia ma uno spettacolo luminoso, un inno alla vita, nonostante la consapevolezza del suo essere effimera e sfuggevole riscoprendo così il senso vitale che abita ogni stato di dolore.

Info: www. teatrostabilenapoli.it

Biglietteria: tel. 081.5513396 | e.mail: biglietteria@ teatrostabilenapoli.it