Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Al via la Stagione del Teatro San Ferdinando di Napoli che

martedì 31 ottobre si apre con lo spettacolo

RADIO ARGO suite

di Igor Esposito

diretto e interpretato da PEPPINO MAZZOTTA

Un compatto lavoro d’attore e regia, in cui i molti segmenti di un racconto antico e mitico proiettano i loro significati verso una contemporaneità disperata.

Martedì 31 ottobre alle ore 21 si apre la stagione del Teatro San Ferdinando diretto da Roberto Andò. In scena fino al 5 novembre lo spettacolo Radio Argo suite di Igor Esposito, diretto e interpretato da Peppino Mazzotta che torna al Teatro Stabile con un nuovo allestimento di Radio Argo dopo il felice debutto al festival estivo Le Orestiadi di Gibellina. Le musiche originali sono di Massimo Cordovani eseguite dal vivo con Mario Di Bonito, post produzione live dei suoni di Andrea Ciacchini, disegno luci Paolo Carbone, consolle luci Jacopo Andrea Caruso, fonico Rosario Acunto, direzione di produzione Lindo Nudo, produzione Teatro di Napoli – Teatro Nazionale, Teatro Rossosimona.

Una voce, sola, catturata da un microfono e lanciata nella notte, vaga di ripetitore in ripetitore alla ricerca di orecchie che vogliano ascoltarla; una voce che riluce, come il fuoco impetuoso e affannato che rimbalzò da Troia fino ad Argo, su valli, colli e montagne, per annunciare il ritorno vittorioso della flotta Greca. Una voce nel cuore della notte, desolata, impotente, che tiene compagnia a chi non riesce a dormire. Una voce che si fa corpo per evocare altre voci e altri corpi. Una voce lontana, estranea, che diventa pericolosamente vicina e familiare mentre dà sostanza a passioni che sembrano essere le nostre, a inganni che ci assomigliano, a guerre che ci appartengono, a morti che abbiamo pianto, a vendette e sconfitte che abbiamo inflitto e subito. Radio Argo suite è una performance per voce e musica, incentrata sull’opera teatrale Radio Argo, una riscrittura dell’Orestea, del poeta e drammaturgo Igor Esposito. Questa coraggiosa impresa drammaturgica è una densa partitura con una forte vocazione libertaria e ribelle che risulta tuttavia, miracolosamente fedele ai materiali classici di riferimento. Con una prosa decisa e senza mezze misure, l’autore vuole farci dimenticare il linguaggio edulcorato, diluito e politicamente corretto della cronaca contemporanea, tornando ad un parlare franco e appassionato, senza censure né compromessi dettati dal calcolo o dall’interesse. Così facendo, ci fa sentire di nuovo il pericolo della realtà che ogni giorno attraversiamo inconsapevoli, in un processo di smascheramento continuo e inesorabile. Il testo snocciola la sua versione dei fatti attraverso sei testimonianze dirette che, in ordine cronologico e lontane da qualsiasi capriccio di attualizzazione, ripercorrono, le vicende precedenti e successive alla guerra più conosciuta e celebrata della storia dell’umanità: la guerra mossa dagli Achei contro la città di Troia. La prima è quella di Ifigenia, l’ultima quella di Oreste. In mezzo si rincorrono quelle di Egisto, Clitennestra, Agamennone e Cassandra. Sei fantasmi che tornano in vita, che tornano in voce, per spiegarci l’arcano passato da cui veniamo e il tragico presente in cui navighiamo. Tutte le guerre assomigliano a quella che vide Ettore contrapporsi ad Achille. I temi strutturali di ogni conflitto bellico, ripuliti dal rumore caotico della cronaca che confonde, si ritrovano nel racconto di questa antica guerra leggendaria e nel destino degli eroi che la vinsero segnando quello di coloro che la persero. Ora come allora l’innocenza viene sacrificata sull’altare della menzogna, in nome di interessi vergognosi e predatori, mascherati da ideali grandi come la libertà, l’onore e la democrazia. Allora si perseverò nella battaglia, come ora si persevera, fino a che gli anni di guerra non furono abbastanza numerosi da far dimenticare completamente il perché fu ingaggiata. Nelle figure degli eroi greci e troiani riecheggiano sinistramente quelle della nostra storia recente. Tiranni in giacca e cravatta e colonnelli perennemente in divisa, accecati da bizzarre ossessioni. Oppressi da tragiche manie che urlano proclami, recitano comizi deliranti, vomitano infernali sentenze attraverso gli altoparlanti di una radio, o gli schermi dei televisori. Responsabili di tragiche decisioni e veri e propri massacri, per motivi discutibili o futili tanto quanto la bellezza di una donna. Elena, il cui rapimento da parte del troiano Paride causa l’assedio di Troia, diviene così il simbolo di tutto ciò che il tiranno di ieri e di oggi usa come pretesto e giustificazione per dare libero sfogo alle sue più oscure devianze.

Peppino Mazzotta

Radio Argo è una compatta riscrittura dell’unica trilogia superstite della tragedia greca: l’Orestea. Le voci dei personaggi mettono in scena l’inconciliabile scontro tra la bestemmia malata del potere e il disperato canto di chi il potere rifugge, cercando, nel silenzio e nell’esilio, una redenzione o forse solo un punto di desiderio puro. Canto incarnato dall’anarchico gesto di Oreste che, dopo il terribile matricidio, rifiuta ogni consolazione “civile”; inverando, con la sua scelta, un verso dell’irriducibile poetessa russa, Marina Cvetaeva: “Al tuo mondo dissennato una sola risposta – il rifiuto”.

Igor Esposito

Radio Argo Suite
di Igor Esposito

con Peppino Mazzotta

regia Peppino Mazzotta

musiche originali Massimo Cordovani eseguite dal vivo con Mario Di Bonito

post produzione live dei suoni Andrea Ciacchini

consolle luci Jacopo Andrea Caruso

fonico Rosario Acunto

direzione di produzione Lindo Nudo

produzione Teatro di Napoli – Teatro Nazionale, Teatro Rossosimona

Durata 1 ora e 20 minuti (atto unico)

Info: www. teatrodinapoli.it

Biglietteria: 081.5513396 | biglietteria@ teatrodinapoli.it

Teatro San Ferdinando | Napoli, Piazza Eduardo De Filippo 20