Di: Maresa Galli

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Sabato 13 gennaio, alle ore 11.30, nel foyer del teatro Diana di
Napoli, presentazione del volume “Favole e leggende della
Campania” di Angela Matassa, Homo Scrivens editore. Matassa,
giornalista, scrittrice, drammaturga, collabora con il Mattino.
Ideatrice e direttore del web magazine NT Notizie Teatrali, è autrice
di numerosi saggi. Con la prima edizione di questo volume ha vinto
il Premio Iguana Elsa Morante. Con l’autrice, al Diana,
intervengono Claudio Finelli, docente, scrittore, regista e
drammaturgo e Aldo Putignano, direttore della casa editrice.
Le letture sono a cura dell’attrice Tina Femiano. Il volume, da Basile
fino all’età contemporanea presenta fiabe, miti e leggende, storie
antiche e magiche nate in Campania, patrimonio universale. Dalla
prima pubblicazione del 1997 (Newton & Compton), con il titolo
“Leggende e racconti popolari di Napoli”, senza soluzione di
continuità fino al 2016, il libro esce in seconda edizione per Homo
Scrivens. Il ponderoso volume di oltre 400 pagine, presenta storie
per bambini, capitoli sui riti e le tradizioni, miti meno noti, leggende
religiose e laiche. I testi riportati in napoletano originale del
Seicento sono stati tradotti dall’autrice in italiano. La novità della
nuova edizione è data da un estratto dall’opera “I ritornanti” di Enzo
Moscato: “Spiritilli”, testo teatrale cult del drammaturgo. Matassa,
vulcanica sta già immaginando di trarre dal libro un copione per
bambini ed una serie per il web.
“Mi dà una forte emozione tenere tra le mani questo volume che
dedico alla mia famiglia – afferma l’autrice – Mai avrei immaginato
che quasi trent’anni dopo la prima edizione del 1997, pubblicata
dalla Newton e Compton, il libro avrebbe avuto una vita tanto
lunga, senza soluzione di continuità. Devo all’entusiasmo e alla
lungimiranza del mio nuovo editore, ben due nuove edizioni del
libro. Aldo Putignano, direttore di Homo Scrivens, ha voluto ancora
una volta rieditare il mio studio sulle favole della Campania, con
una nuova veste grafica e nuovi contenuti. Tra questi, la chicca
“Spiritilli”, un estratto dell’opera di Enzo Moscato, che mi ha fatto
questo dono, consentendomi d’inserirlo nel mio lavoro. Sono molto
grata ad entrambi”.