ZUBIN MEHTA AL SAN CARLO

PER TRISTAN UND ISOLDE E TERZA DI MAHLER

IL GRANDE MAESTRO INDIANO AL LIRICO DI NAPOLI DOPO TRENT’ANNI DI ASSENZA

E PER LA PRIMA VOLTA ALLA DIREZIONE DI UN’ OPERA LIRICA

Domenica 22 febbraio ore 19 sarà un momento storico per il Lirico di Napoli: uno dei più celebri direttori d’orchestra al mondo, Zubin Mehta, salirà sul podio del Massimo napoletano per il Tristan und Isolde di Richard Wagner.

È la prima volta che il celebre Maestro indiano dirige un’opera lirica per il Teatro di San Carlo.

Un debutto che si preannuncia memorabile, proprio in occasione del ritorno di un noto allestimento sancarliano: Tristan und Isolde di Richard Wagner premio Abbiati nella stagione 2004-2005, ( «Per il segno visivo e la straordinaria accuratezza della realizzazione di scene, citazioni pittoriche e costumi che hanno contraddistinto la produzione» come si legge nella motivazione che portò la giuria dei critici composta dall’Associazione Nazionale Critici Musicali ad esprimersi all’unanimità).

Spettacolo osannato da pubblico e critica per la sua estrema raffinatezza iconografica, è firmato da una strepitosa compagnia, con la regia di Lluís Pasqual (ripresa da Caroline Lang) e le scene e i costumi della coppia da Oscar Frigerio/Squarciapino.

Eccezionale il cast vocale, di cui lo stesso Mehta si è detto particolarmente entusiasta: nel ruolo di Isolde la voce straordinaria e unica di Violeta Urmana, Trosten Kerl canterà Tristan. Lioba Braun sarà Brangäne, e ancora, Stephen Milling sarà il Re Marke di Cornovaglia, Kurwenal sarà Jukka Rasilainen e Melot Alfredo Nigro. Il Timoniere e il Pastore saranno interpretati rispettivamente da Italo Proferisce e Marcello Nardis.

Cinque repliche in tutto (in scena fino al 5 marzo), in cui Orchestra e Coro del Massimo napoletano saranno guidati dalla bacchetta di uno dei più grandi direttori di tutti i tempi, impegnato in questo stesso periodo al San Carlo anche in un concerto sinfonico: venerdì 27 febbraio ore 20 30 e domenica 1 marzo alle 18 Mehta dirigerà infatti le compagini di casa e la voce del contralto solista Lioba Braun nella celebre Sinfonia n.3 di Gustav Mahler. Prima di adesso Zubin Mehta aveva diretto Orchestra e Coro stabili assieme quelli del Maggio Musicale Fiorentino solo nel 2 luglio 2008 in occasione del Concerto in Piazza del Plebiscito, mentre con la sua Israel Philharmonic si è esibito tra le mura del Massimo solo nel 1986.

Azione in tre atti su libretto dello stesso Wagner tratto dall’omonimo romanzo in versi di Goffredo di Strasburgo, Tristan und Isolde fu composta tra Zurigo, Venezia e Lucerna tra il 1857 e il 1859 e andò in scena per la prima volta il 10 giugno 1865 al Nationaltheater di Monaco di Baviera.

Così Wagner scriveva a Liszt nel 1854: «poiché in vita mia non ho mai gustato la vera felicità dell’amore, voglio erigere al più bello dei miei sogni un monumento nel quale dal principio alla fine sfogherò appieno questo amore. Ho sbozzato nella mia testa un Tristano e Isotta; un concetto musicale della massima semplicità, ma puro sangue; col bruno vessillo che sventola in fine del dramma, voglio avvolgermi per morire!». Nel Tristan und Isolde destino e amore coincidono in maniera assoluta e la morte dei due amanti non è tragica fatalità ma il compimento supremo e necessario dell’amore. I due protagonisti infatti non solo assecondano, ma si fanno entusiasticamente carico del destino che li travolge.

foto di Francesco Squeglia da sinistra Brangane/Lioba Braun, Kurwenal/Jukka Rasilainen e Isolde/Violeta Urmana

Zubin Mehta nasce nel 1936 a Bombay e riceve la sua prima educazione musicale sotto la guida del padre Mehli Mehta, celebre violinista e fondatore della Bombay Symphony Orchestra. Dopo un breve periodo in cui si dedica agli studi in Medicina a Bombay, si trasferisce a Vienna nel 1954 dove segue i corsi di direzione d’orchestra di Hans Swarowsky all’Akademie für Musik. Nel 1958 vince il Concorso Internazionale di Liverpool e la Koussevitzky Competition a Tanglewood. Nel 1961 dirige le Filarmoniche di Vienna, Berlino e Israele con cui ha recentemente festeggiato i 50 anni di collaborazione. Dal 1961 al 1967 è Direttore musicale della Montreal Symphony Orchestra e dal 1962 al 1978 è Direttore musicale della Los Angeles Philharmonic Orchestra. Nel 1969 è Consulente musicale della Israel Philharmonic di cui poi diverrà direttore musicale nel 1977. Nel 1981 la Israel Philharmonic Orchestra gli conferisce il titolo di Direttore Musicale a vita. Con questa straordinaria compagine tiene più di tremila concerti e importanti tournée in tutti e cinque continenti. Nel 1978 è Direttore musicale della New York Philharmonic, incarico della durata di 13 anni, il più lungo nella storia dell’orchestra. Dal 1985 è Direttore principale dell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino. Il suo debutto alla direzione di un’opera è a Montreal nel 1963 con Tosca. Da allora dirige al Metropolitan Opera di New York, alla Staatsoper di Vienna, alla Royal Opera House Covent Garden, alla Scala di Milano, nei teatri di Chicago e Firenze e al Festival di Salisburgo. Tra il 1998 e il 2006 è Direttore musicale della Bayerische Staatsoper di Monaco. Nel mese di ottobre 2006 inaugura il Palau de les Arts Reina Sofia di Valencia ed è presidente del Festival del Mediterraneo fino al giugno 2014, per cui ha diretto un acclamatissimo ciclo del Ring con la Fura del Baus in coproduzione con il Teatro dell’Opera di Firenze. Altri cicli del Ring sono stati diretti alla Chicago Opera e la Bavarian State Opera. Diversi i premi e i riconoscimenti che gli sono stati conferiti tra cui il ” Nikisch – Ring” lasciatogli in eredità da Karl Böhm. Zubin Mehta è cittadino onorario di Firenze e Tel Aviv ed è stato nominato membro onorario della Staatsoper di Vienna nel 1997, della Bavarian State Opera nel 2006 e della Gesellschaft der Musikfreunde Wien nel 2007. Il titolo di ” Direttore Onorario ” gli viene conferito dalle seguenti orchestre: Orchestra Filarmonica di Vienna (2001), Munich Philharmonic Orchestra (2004), Los Angeles Philharmonic (2006), Teatro del Maggio Musicale Fiorentino (2006), Staatskapelle Berlin (2014) e Bavarian State Orchestra (2006), con il quale si è esibito a Srinagar, nel Kashmir nel settembre 2013. Nell’ottobre 2008 è insignito dalla Famiglia Imperiale del Giappone del “Praemium Imperiale”. Nel marzo 2011 ottiene la stella sulla Hollywood Boulevard. Nel luglio 2012 gli viene conferita la Croce di Commendatore al Merito dalla Repubblica Federale di Germania. Nel settembre 2013 il governo indiano lo ha insignito del “Tagore Award per l’armonia culturale ” che un anno prima è stato assegnato a Ravi Shankar. Zubin Mehta continua a sostenere la scoperta e la promozione dei talenti musicali di tutto il mondo. Insieme al fratello Zarin è presidente della Fondazione Mehli Mehta Music di Bombay, in cui più di 200 bambini vengono educati alla musica classica. La Buchmann – Mehta School of Music di Tel Aviv si dedica invece alla crescita dei giovani talenti in Israele ed è strettamente legata alla Israel Philharmonic Orchestra: un nuovo progetto di insegnamento rivolto ai giovani arabi israeliani nelle città di Shwaram e Nazareth con insegnanti locali e membri della Israel Philharmonic Orchestra.

dal 22 Febbraio al 5 Marzo 2015

Teatro di San Carlo

domenica 22 febbraio 2015 ore 19.00 (Turno A)
mercoledì 25 febbraio 2015 ore 17.00 (Turno B)
sabato 28 febbraio 2015 ore 17.00 (Turno F)
martedì 3 marzo 2015 ore 19.00 (Turno C)
giovedì 5 marzo 2015 ore 18.00 (Turno D)

Tristano e Isotta

Azione in tre atti
Musica e libretto di Richard Wagner

Direttore: Zubin Mehta
Maestro del Coro: Marco Faelli
Regia: Lluìs Pasqual

Rioresa da Caroline Lang
Scene: Ezio Frigerio
Costumi: Franca Squarciapino

Interpreti
Tristan: Torsten Kerl
Re Marke di Cornovaglia: Stephen Milling
Isolde: Violeta Urmana (22, 25 e 28 febbraio, 3 marzo) / Jennifer Wilson (5 marzo)
Kurwenal: Jukka Rasilainen
Melot: Alfredo Nigro
Brangäne: Lioba Braun
Timoniere: Italo Proferisce
Un pastore: Marcello Nardis
Voce di un giovane marinaio: Alfredo Nigro

Orchestra e Coro del Teatro di San Carlo
Allestimento del Teatro di San Carlo

Biglietti da 30 a 150 euro

per info: 0817972331 – 412 biglietteria@teatrosancarlo.it